L’Italia spreca tanto, ma vince 2-0 anche in Lituania. Record di Mancini, a pari merito di Lippi | Nazionali

Italia fa 3 su 3 e anche dentro Lituania sulla sintesi della LFF Stadionas vbella coppia 2-0 e va al vertice del girone C nelle qualificazioni per i prossimi Mondiali in Qatar 2022. Non una bella Italia, che perde spesso soglie, ma grazie al gol di Significato e il rigore nella finale di Immobile, regala a Roberto Mancini il 25esimo risultato utile consecutivo, a pari merito di Lippi, che pone gli Azzurri in posizione di vantaggio sulla Svizzera che invece questa sera non ha preso il plotone.

PRIMO TEMPO – L’Italia inizia a dominare bene la partita con una forma fluida capace di difendere a 4 ma di attaccare a 3. Pellegrini è stato il più ispirato in apertura, andando due volte al tiro e trovando una pronta risposta di Svedkauskas. La Lituania fatica a ripartire ma difende bene e lo stringere delle maglie attorno all’area di rigore rende sterile il giropalla degli Azzurri, che fatica a servire sia Immobile che El Shaarawy che faticano anche a partire nei rari momenti in cui la palla finisce tra i loro piedi come al 39 ‘quando l’esterno della Roma manda alto da posizione favorevole. Rimane solo il colpo lontano, ma ancora una volta è Svedkauskas a dire no a un Emerson Palmieri molto ispirato.

OBBIETTIVO – Mancini intanto cambia partita inserendo Chiesa e Sensi per El Shaarawy e Pellegrini ei due nuovi arrivati ​​creano il vantaggio azzurro al 48 ‘. Prima Svedkauskas salva su Chiesa e poi è Sensi, da centroarea a trovare il corner su cui, stavolta, Svedkauskas non può far nulla. Il gol è una libagione per gli azzurri che si scatenano nello stretto e prima con Bernardeschi difficilmente trovano lo specchio, poi con Pessina costringe Svedkauskas al miracoloso intervento. Il portiere lituano eclissa anche Locatelli, che in precedenza aveva trovato al volo un magnifico gol, ma il suo intervento gli è stato negato.

READ  "Lane nel cuore, questa band ...

EDIFICIO SCIAGURATO – Ma quello con più di un gol in coscienza è Ciro Immobile, ancora bravo a creare occasioni da gol quanto scontento di non trasformarle. Sono 4 le occasioni divorate dal bomber laziale che prima spara in contropiede allo Svedkauskas, poi ne dribbla due solo per tirare a lato con un soffio, poi colpisce ancora il portiere. Mira in pieno da posizione favorevole e infine solo nel centro dell’area che il bambino invia incredibilmente a lato della testa.

25 IN UNA FILA – E poi una gara in pieno controllo rischia di trasformarsi in harakiri quando Bastoni sbaglia un controllo e Dapkus fa scattare Eliosius su cui Donnarumma, fino ad allora inattivo, riesce a dire no rifugiandosi in angolo. Immobile riesce a perdere ancora una volta il duello con Svedkauskas anche a 10 minuti dal termine, ma questo non è l’unico visto che il portiere riesce a negare nuovamente il gol anche a Locatelli. L’Italia ha resistito all’impatto e nel finale al 93 ‘Kazlauskas ha virato Barella dando a Immobile il rigore per il 2-0 finale. Lippi pareggia e 5 gare da Pozzo, ma stasera il risultato è una delle poche cose da salvare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *