che ha avvertito Ceferin e l’inizio della valanga

L’eco della bomba Superlega è stata così forte che, una volta esplosa in Europa, ha anche fatto tremare le finestre degli edifici di New York attraversare l’oceano. Non a caso anche il New York Times ha raccontato questa clamorosa vicenda, dedicando una profonda rievocazione delle 48 ore che hanno scosso il calcio nel Vecchio Continente. La storia imita i gialli venduti in milioni di copie nel mondo da John le Carrè. La storia di spionaggio apprezzata dai lettori americani ha dunque per protagonisti da un lato Aleksander Ceferin, Numero uno nella UEFA e l’altro Andrea Agnelli, presidente della Juventus, nonché l’allenatore che, insieme agli altri undici ribelli, ha incrementato l’esposizione mediatica con Florentino Perez. Come tutti i tuorli che si rispetti, anche questa ricomposizione della realtà non propone il secondo piatto, ovvero gli scambi tra Ceferin e Agnelli, nelle prime battute, ma dopo una gustosissima introduzione che permette di capire chi è stato – involontariamente? – lanciare l’allarme su un accordo che alla fine divenne “un’improbabile alleanza di fondi speculativi americani, oligarchi russi, magnati industriali europei e reali del Golfo che cercavano di prendere il controllo delle entrate dello sport più popolare al mondo,” creando una superlega europea chiusa ” .

LAPORTA SPIFFERA – La prima scena ci porta in Spagna, dove Javier Tebas, sente il numero uno della Liga Joan laporta, presidente del Barcellona, ​​poco prima che lo scorso fine settimana venisse informato dai blaugrana che il suo club si sarebbe unito a una nuova lega separatista di club ricchi, una dozzina: avevano tempo per unirsi domenica sera! A questo punto Tebas avverte subito Ceferin di quello che sta per esplodere e il massimo dirigente non riesce a capire cosa ha sentito. Qualche settimana prima, il suo caro amico e alleato Andrea Agnelli, presidente della Juventus, gli aveva assicurato che le voci di nuovi colloqui separatisti erano solo una voce. Solo un giorno prima, infatti, Agnelli e la sua organizzazione avevano nuovamente avviato una serie di riforme per la Champions League e lunedì tutto doveva essere approvato ”. A questo punto, il New York Times riprende il “ritmo” della storia: “Così sabato, mentre si infilava sul sedile anteriore della sua Audi Q8 per iniziare il tragitto di otto ore da casa sua a Lubiana al suo ufficio in Svizzera., Ceferin decide di andare in fondo. Chiama Agnelli. Il suo amico non risponde. Ceferin – il padrino del figlio minore di Agnelli – manda un messaggio al compagno dell’italiano e chiede se può convincere il presidente della Juventus a chiamarlo urgentemente. È in viaggio da tre ore quando squilla il suo cellulare. Con disinvoltura Agnelli rassicura Ceferin, ancora una volta, che tutto va bene. Ceferin si offre di pubblicare una dichiarazione congiunta che porrebbe fine al caso. Agnelli è d’accordo. Ceferin scrive un rapporto della macchina e la manda ad Agnelli.

READ  MotoGP, Free 2 GP Valencia 2020: 1 ° Miller, 2 ° Nakagami, 3 ° Bagnaia, 6 ° Dovizioso

NASCE IL GOLP – Un’ora dopo, Agnelli chiede tempo per restituire una versione modificata. Le ore passano. Gli uomini si scambiarono diverse chiamate. Infine, dice a Ceferin che ha bisogno di altri 30 minuti. Poi Agnelli spegne il telefono ”. Nel frattempo l’Audi di Ceferin guida per chilometri e, arrivando in Svizzera, fa alcune telefonate che gli fanno capire che era in corso un colpo di stato e che il progetto alternativo, la Superleague, era una realtà che, non a caso, poco dopo. sarebbe stato annunciato, cioè dopo la mezzanotte di domenica. Nel tempo Ceferin ha capito che non tutti i 12 club avevano le stesse responsabilità e che altri come Bayern e Psg avevano rifiutato.

Tutte le anteprime sull’edizione di Tuttosport

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *