Litigio nello spazio: Russia fuori, lo spazio europeo vuole essere meno dipendente

Litigio nello spazio: Russia fuori, lo spazio europeo vuole essere meno dipendente

L’Agenzia spaziale europea (ESA) non riesce più a cooperare con la Russia in vista degli sviluppi in Ucraina. La partnership è stata sospesa per tre missioni di esplorazione lunare pianificate. L’ESA è ora alla ricerca di altri partner.

I russi, furiosi per le sanzioni imposte all’Ucraina dall’inizio della guerra, avevano già ritirato i razzi che l’Europa voleva portare nello spazio. Il risultato preliminare è che non solo i costosissimi satelliti europei, ma anche una missione su Marte non decolleranno. “Come se stessimo tornando indietro di 30 anni”, spiega l’astronauta André Kuipers.

Il direttore generale dell’ESA Josef Aschbacher teme che la scienza possa tornare indietro di anni. “E sarà anche molto costoso. Ora dobbiamo costruire missili europei o americani e anche sostituire tutte le parti russe nell’equipaggiamento comune”.

Finora, i viaggi nello spazio sono stati immuni da tutti gli sviluppi politici. Fino a lì. Ecco le conseguenze:

La cooperazione con la Russia era prevista per le missioni lunari Luna-25, Luna-26 e Luna-27. Missioni destinate a testare strumenti – in collaborazione con l’agenzia spaziale russa Roscosmos. E a settembre, una missione congiunta metterebbe un nuovo robot di guida su Marte. Entrambe le missioni vengono cancellate perché l’ESA le ha ritenute incompatibili con le sanzioni contro i russi.

I paesi che non vanno molto d’accordo sulla Terra, come la Russia e gli Stati Uniti, spesso lavorano bene insieme nello spazio. Secondo Kuipers, la stazione spaziale internazionale ISS, a cui partecipano anche Giappone, Europa e Canada, è un ottimo esempio. “Abbiamo tutti iniziato a costruire questa stazione spaziale. Costruita a beneficio del mondo da tutti noi. Da paesi che erano in guerra tra loro”.

READ  POCO X4 Pro 5G con display AMOLED a 120Hz e fotocamera da 108 megapixel costa 299 euro - Tablet e telefoni - Novità

Kuipers aveva sperato che la stazione spaziale continuasse ad esistere come zona neutrale. Le discussioni di politica sono state evitate anche quando lui era lì dieci anni fa. “Quando ho parlato con i colleghi russi ed è andato a Putin, sono rimasti in silenzio. Hanno evitato la conversazione. C’è una cultura della paura, hanno paura per le loro carriere, per il loro futuro. Te ne accorgi e poi basta subito. Quindi non ne parliamo”. Ma la domanda è se questo rimarrà il caso. La Russia ha ripetutamente minacciato di disconnettersi.

più robusto

L’ESA ora vuole riprendere le missioni annullate con altre agenzie spaziali. La sospensione della cooperazione con i russi è anche un motivo per cui l’ESA riflette più attentamente sull’indipendenza strategica dell’Europa. “Non ho bisogno di spiegare che l’indipendenza è ancora più importante oggi che forse due mesi fa. Dovremmo essere in grado di mettere in orbita i satelliti da soli, per esempio”, afferma Aschbacher.

L’astronauta Kuipers ripone grande fiducia in lui. “Il mondo occidentale sta già effettuando esplorazioni spaziali commerciali. Possiamo fare molto senza i russi. Abbiamo bisogno di più razzi, ma possiamo farcela. La domanda è cosa faranno i russi. il ruolo del volo spaziale con equipaggio prima della fine della Russia. Poi si sono tagliati le dita.

A lungo termine, l’ESA vede un lato positivo negli sviluppi. Aschbacher: “L’area europea diventerà più solida, autonoma e resiliente. Attualmente stiamo prendendo decisioni difficili, ma a lungo termine trarremo sicuramente vantaggio da questa esperienza”.

Allora è necessaria più unità, pensa Kuipers. “Alla Nasa c’è il patriottismo. Se un astronauta italiano viene lanciato in Europa, in Finlandia non rimane molto colpito. Continuano a lottare per far capire ai politici l’importanza dei viaggi nello spazio. Sarebbe molto positivo se noi come Europa non facessimo più dipende da altri paesi”.

READ  Il TV OLED LG G3 da 77" con array di micro-lenti ha un prezzo consigliato di 6299 euro - Immagine e suono - Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *