Il rifugio ricercato della Turchia diventa un rifugio per i soldi russi

Il rifugio ricercato della Turchia diventa un rifugio per i soldi russi

Il ministro degli Esteri turco Cavusoglu ha recentemente affermato che gli uomini d’affari russi, inclusi gli oligarchi, sono i benvenuti se rispettano le regole. Ma secondo i gruppi anticorruzione, la Turchia dovrebbe fare attenzione ai “denaro sporco”. “Dopo la guerra, abbiamo visto emergere nuovi hub per il denaro russo: Israele, Dubai e Turchia sono sicuramente tra questi”, ha affermato Oya Ozarslan di Transparency International. “Il denaro sporco è stato espulso dai paesi occidentali. Sta arrivando qui ora”.

La Turchia rischia sanzioni

La Turchia può usare bene il denaro straniero, ora che il Paese è in gravi difficoltà economiche. Ma Ozerslan avverte delle conseguenze negative a lungo termine. “Se lasci entrare denaro sporco, non puoi aspettarti che entrino investitori legittimi. Nessuno vuole investire in denaro sporco”. Inoltre, la Turchia rischia una reazione da parte dei paesi occidentali. “Sanzioni secondarie potrebbero essere imposte a paesi come la Turchia per non aver sostenuto le sanzioni occidentali”.

Non si sa quanti soldi russi stanno attualmente entrando in Turchia. “C’è poca trasparenza finanziaria in Turchia, quindi non abbiamo numeri. Mi aspetto che i russi utilizzino intermediari turchi per fare acquisti. La Turchia importa la corruzione, mentre di per sé non se la passa molto bene quando si tratta di corruzione”.

Paga in più volte

L’agente immobiliare Murat Sarikaya ora ha dipendenti di lingua russa per comunicare con i clienti russi. Ha appena venduto un condominio di lusso da 1,5 milioni di dollari, ma ci sono problemi con il pagamento. “Poiché non possono ottenere tutti i soldi qui in una volta, pagano a rate. È quello che stiamo incontrando ora.”

READ  Le proteste in Iran entrano nel terzo mese; nemmeno la pena di morte sembra fermare le azioni | All'estero

La squadra di vela ucraina non ha potuto fermare lo yacht di Abramovich, ma un giorno è scomparso dal porto di Bodrum. Ben presto è diventato chiaro che il porto è gestito da una compagnia britannica, che deve far rispettare le sanzioni britanniche.

La Solaris si trova ormai da qualche tempo a pochi chilometri di distanza, in un altro porto, nella cittadina di Yalikavak.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *