Lo schieramento di armi nucleari non sembra essere ancora un problema, ucraini a Luhansk | ADESSO

NU.nl fornisce regolarmente una panoramica della situazione in Ucraina. Questa volta: le truppe ucraine stanno portando avanti con successo la loro controffensiva. Le truppe russe cercano di fermare l’avanzata con un raggruppamento difensivo. Inoltre, gli Stati Uniti “non hanno alcuna indicazione” che la Russia si stia attualmente preparando a dispiegare armi nucleari.

Lo ha affermato martedì sera l’addetto stampa della Casa Bianca, Karine Jean-Pierre. “Prendiamo sul serio la minaccia, ma non abbiamo motivo di cambiare la nostra posizione strategica nucleare”, ha affermato Jean-Pierre.

Il presidente russo Vladimir Putin ha ripetutamente affermato di non esitare a usare qualsiasi mezzo per difendere il suo Paese. Mercoledì il Cremlino ha ufficialmente completato l’annessione di quattro territori ucraini. Putin ora considera queste regioni russe.

Un attacco ucraino al “territorio russo” è quindi più vicino che mai. Infatti, nella provincia di Donetsk, i combattimenti continuano. Gli esperti militari hanno quindi temuto per settimane che Putin dispiegherà mezzi più pesanti.

Le truppe ucraine raggiungono Luhansk

Secondo il ministero della Difesa britannico, le truppe ucraine nella regione nord-orientale di Kharkiv hanno nuovamente guadagnato circa 20 chilometri. I russi sarebbero stati quasi completamente respinti nella provincia di confine di Lugansk, che ora hanno nel mirino anche gli ucraini. “I leader russi sono molto probabilmente molto preoccupati per questo”, ha detto il sospetto britannico.

Il governatore ucraino Sergey Gayday di Luhansk afferma addirittura che i primi posti a Luhansk sono stati riconquistati. Ciò significherebbe che la Russia non ha più il pieno controllo della regione. Ciò non è stato confermato da parti indipendenti.

Anche l’Ucraina respinge i russi a Kherson. Lì, i russi stanno preparando un contrattacco, secondo i funzionari del governo russo. Secondo quanto riferito, i russi hanno anche inviato più truppe in prima linea vicino a Lyman. Questa città è stata presa dalle truppe ucraine lo scorso fine settimana. Lyman è il principale nodo ferroviario nel nord della provincia di Donetsk.

READ  Il signore della droga messicano ricercato dagli Usa arrestato in Messico | ADESSO

Questi messaggi non sono stati verificati da parti indipendenti. Il Cremlino ha riconosciuto le perdite in Ucraina ma afferma che non avranno alcun effetto sull’annessione. “Questi sono territori russi e li recupereremo”.

La situazione in Ucraina il 4 ottobre.


La situazione in Ucraina il 4 ottobre.

La situazione in Ucraina il 4 ottobre.

Foto: NU.nl/Bart-Jan Dekker

Putin vuole controllare la centrale nucleare di Zaporizhzhia

Mercoledì c’è stata anche una disputa sul proprietario della centrale nucleare di Zaporizhzhia. Questa centrale è la più grande d’Europa ed è di grande importanza per l’approvvigionamento energetico dell’Ucraina. Prima della guerra, l’impianto produceva circa il 20% di tutta l’elettricità del Paese.

Putin mercoledì ha firmato un decreto che ordina al governo russo di rilevare la centrale nucleare. L’area è già in mano russa, ma la fabbrica è ancora gestita da una squadra ucraina. Putin vuole farne la “proprietà statale” centrale.

Non è chiaro se i russi vogliano sostituire lo staff. Giovedì l’attuale caposquadra, Petro Kotin, ha sottolineato di avere il controllo della centrale nucleare. Kotin lavora per la società di energia nucleare ucraina Energoatom.

A causa delle crescenti tensioni, il capo dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) vuole visitare l’impianto. Il capo dell’AIEA Rafael Grossi ha già visitato la fabbrica con una squadra. Poi ha voluto indagare sui danni arrecati alla fabbrica dai continui bombardamenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.