Lo “sciamano” chiede perdono a Trump: “Ci ha invitato a camminare su Capitol Hill”. Procuratore: “I rivoltosi volevano uccidere deputati e senatori”

Jacob Anthony Chansley, conosciuto come Jake Angeli, lo “sciamano” di QAnon Conspiracy Cult chi ha guidato ilassalto a Capitol Hill a torso nudo con indosso un cappello di pelliccia e le corna vichinghe, ha chiesto al presidente Donald Trump per concedergli la grazia. Chansley si è arreso alle autorità sabato scorso ed è stato arrestato e accusato di ingresso illegale e violento e comportamento disordinato negli edifici del Congresso.

L’avvocato di Jake Angeli, uno degli uomini che è diventato un simbolo dell’attacco al Congresso per i suoi abiti colorati e il viso dipinto, ha presentato la richiesta di grazia presidenziale affermando che il suo cliente “ha accettato l’invito del presidente Trump che cammina da Pennsylvania Avenue al Campidoglio.

Avocado Albert Watkins ha aggiunto che in vista del “comportamento pacifico” di Jacob Chansley, che è il vero nome di Angeli, “sarebbe opportuno e onorevole che il presidente la perdonasse”. Lo stesso provvedimento è richiesto per altri “pacifici individui che hanno accettato con onorevoli intenzioni l’invito del Presidente”.

“Il mio cliente non è entrato con la forza nel Campidoglio, la polizia di Capito Hill ha tenuto le porte del Campidoglio aperte per il mio cliente”, ha aggiunto l’avvocato Albert Watkins, secondo i rapporti. ABC, sostenendo anche che Chansley, che era nell’esercito e non aveva precedenti penali, è un vero sciamano: “Pratica yoga, medita tutto il giorno, non potrebbe essere un essere umano più gentile e calmo” , Ha detto l’avvocato. A Chansley, che dopo il suo arresto era se stesso ha rifiutato di mangiare perché mangia solo prodotti biologici, il giudice ha permesso di ricevere cibo biologico in carcere.

READ  In Russia, il dissenso sarà sempre più difficile

Ma le prove fornite dai pubblici ministeri parlano di altre intenzioni. Gli ultras pro-Trump che hanno attaccato il 6 gennaio volevano “catturare e potenzialmente assassinare” parlamentari e senatori: i magistrati federali dell’Arizona e del Texas hanno detto una nota citata lasciata da Jake Angeli come prova. “È solo questione di tempo, la giustizia sta arrivando”, si legge nel messaggio al vicepresidente Mike pence che ha presieduto la seduta congiunta delle Camere per l’attestazione della vittoria del Joe biden. La nota era allegata a un memorandum del procuratore distrettuale che richiedeva che Jacob Chansley, il nome dello sciamano, rimanesse in prigione perché riteneva di essere ad alto rischio di fuga.

Secondo il vice procuratore Jay Weimer, il tenente colonnello Larry Rendall Brock “voleva rapire, legare, forse provare, forse giustiziare membri del governo degli Stati Uniti”. Brock, attualmente agli arresti domiciliari, è stato fotografato a Capitol Hill con indosso una tuta da guerra con elmetto da combattimento e giubbotto antiproiettile, manette di plastica in mano: “Le ho trovate per terra e le volevo. consegnare a un agente di polizia, ma li ho dimenticati “, ha detto al New Yorker il giorno successivo.

Durante la manifestazione prima dell’assalto, Trump ha detto ai suoi sostenitori di “combattere come un inferno” per fermare la certificazione della vittoria elettorale di Joe biden che stava succedendo al Congresso. “Dopo che faremo una passeggiata e io sarò con voi, andremo a Capitol Hill”, ha detto il presidente contro il quale la Camera ha approvato l’impeachment con l’accusa di aver provocato l’insurrezione il 6 gennaio.

READ  "Contagi in declino, mandano anche galli e crisante da Amadeus" - Libero Quotidiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *