Lorenzo Musetti batte Mmoh a Miami: prima vittoria in un Masters 1000

Il 19enne prodigio Carrara domina l’americano con un 6-4 6-4: ora tocca a Benoit Paire. Intanto è numero 90 del mondo, settimo azzurro in classifica

La lista dei primi giorni di Lorenzo Musetti si allunga a Miami dove il ragazzo carrarese supera al debutto l’americano Michael Mmoh e conquista la prima vittoria in un Masters 1000 su cemento. Un successo che lo proietta al 90 ° posto nel ranking mondiale, davanti a Marco Cecchinato e diventando il settimo azzurro al mondo.

Corrisponde

La partenza di Lorenzo è stata subito buona, con quattro break point che il talento di Carrara non ha ancora sfruttato. La pausa arriva in gara 3, tuttavia, con l’americano di origine saudita alle prese con l’accelerazione dell’italiano. Nel quinto game, con un 3-2 di vantaggio, Musetti ha subito il primo break point. Mmoh coglie l’occasione e torna alla parità grazie ad alcune scelte sconsiderate dell’allievo di Simone Tartarini. Come spesso accade, appena si sente meno sereno, Lorenzo si ritira troppo dietro la linea di fondo, perdendo profondità nei suoi tiri. Il rivale non sembra reale e inizia a macinare. Si va al cambio di gruppo sul 4-3 per l’americano che cade in crisi non appena il numero 94 del mondo cambia ritmo e rotazioni di palla. Nel nono game, Lorenzo conquista un punto di rottura decisivo che lo porta a servire sul 5-4. Musetti, più sicuro, ha trovato la spinta, il coraggio e le botte chiudendo il primo set per 6-4. Il secondo set si riapre con tre break point per gli azzurri ma questa volta, a differenza del primo, Musetti mette al sicuro e conduce sul 2-0. Riceve anche un avvertimento di coaching per alcune azioni extra nel suo camerino. Non si sgretola e continua a progettare il campo, estraendo tutte le sue meraviglie dal petto, fino a quando non ha una quattro volte possibilità di andare 5-4 e servire. Mmoh non si spezza e vince anche due break point nell’ottava partita. Musetti riesce ad annullarli, dimostrando ancora una volta di esprimersi al meglio sui punti importanti. Peccato che quando viene utilizzato per la partita offra tre break point al suo rivale. Il terzo lo annulla con una delle sue magistrali battute di rovescio, un tracciante che spazza via Mmoh.

READ  SBK 2021. Bollettini GP di Misano - Superbike

E adesso…

Musetti chiude 6-4 6-4 sotto gli occhi di Benoit Paire, prossimo avversario al secondo turno: “Ho visto che Benoit era lì a vedermi. Sarà un’altra bella partita per metterti alla prova. Gioca bene a tennis e proverà a sfidarmi anche mentalmente. Dovrò essere bravo a gestire i suoi alti e bassi e tutti gli spettacoli … Tuttavia, fuori dal campo è un bravo ragazzo. Mi ha fatto tanti complimenti ad Acapulco ”. Anche Rublev ha dato un’occhiata durante la sua partita, segno che i suoi avversari stanno iniziando a studiarlo: “È sicuramente bello, perché significa che ho guadagnato rispetto per quello che ho fatto negli ultimi tempi”. E sulle perle che ha tirato fuori dal baule nei momenti più difficili, Musetti risponde con la solita umiltà: “Penso che ci sia anche un po ‘di fortuna. Ero bravo a non collassare ea restare lì con la testa. Alla fine ho avuto coraggio e anche un po ‘di fortuna ”. La fortuna aiuta gli audaci…

L’impresa del cacao degli dei

Musetti è uscito dalla migliore settimana (in termini di tennis) della sua vita. Una settimana da fenomeno all’ATP 500 di Acapulco, dove è arrivato in semifinale dalle qualifiche e dopo un inizio di stagione insuperabile. In Messico Lorenzo ha fatto tanti gol, dalla prima vittoria con una top 10, Diego Schwartzman, al ritorno del secondo turno contro Frances Tiafoe dopo aver rischiato il 6-0 nel primo set, nel duello a gesti bianchi con Grigor Dimitrov , un altro rovescio a una mano che incanta il circuito. Si è fermato contro Stefanos Tsitsipas, numero 5 del mondo e tra i più in forma del momento. Lorenzo conosce i suoi limiti e dopo il torneo ha ammesso con calma: “Ero molto stanco, ma penso a Stefanos avrei perso anche se fossi stato fresco. Al momento è ad un livello più alto, infatti è tra i primi 5. Devo ancora lavorare molto ”. Non gli manca l’applicazione, come sa Filippo Volandri, nuovo capitano della Davis: “Ha una dedizione straordinaria per il tennis, sport che ama sopra ogni cosa. Non gli manca il talento, l’importante è farlo crescere piano piano ”.

READ  Calciomercato Juventus, gol olimpico a sorpresa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *