Louisiana, un afroamericano picchiato dagli ufficiali e lasciato in agonia prima di morire. Il video sconvolge gli Stati Uniti

Louisiana, 2019. Un uomo di 49 anni, Ronald Greene, Afroamericano e disarmato, guida il suo Suv. Velocità a 180 chilometri orari in autostrada nel sobborgo della città di Monroe, ma non si ferma dopo essersi fermati a causa di una violazione del codice stradale. È stato poi colpito dal Polizia Stradale. Gli agenti cercano di fermarlo e di immobilizzarlo all’interno del veicolo, lo colpiscono con un taser. Lo gettano a faccia in giù, portandolo a calciando e pugni. Poi lui manette, trascinalo per le gambe. È sanguinamento e angosciante, privo di senso. Viene abbandonato a pancia in giù sull’asfalto. Ed è lì che morirà, perché la corsa in ospedale non sarà necessaria. “Ho paura! … ho paura!”, Ho paura, sono le sue ultime parole, immortalate in un video che sconvolge ancora l’America, poche settimane dopo la condanna di Derek chauvin, il poliziotto responsabile dell’omicidio di Giorgio Floyd, anche lui afroamericano, soffocato sotto il ginocchio.

Lo scenario è quello di Louisiana, lo stato meridionale degli Stati Uniti con una triste storia di razzismo e di linciaggi e le immagini risalgono alla notte di 10 maggio 2019, girato con la telecamera del corpo di uno dei sei agenti della polizia di stato che hanno risposto a un inseguimento ad alta velocità vicino al confine con l’Arkansas. Una clip di circa 46 minuti che mostra il SUV di Greene. Una volta colpire la macchina della polizia, Greene è il primo intontito nella sua macchina con un impeto di taser, poi archiviato.

READ  "Oggi, 76 anni fa, mio ​​padre è stato liberato dal campo di Buchenwald. Nessuno di noi riuscirà a capirlo fino in fondo": il ricordo di Fiano

“Mi dispiace, mi dispiace …” Sentiamo il 49enne mentre è gettato a terra a faccia in giù. Lì, in uno situazione convulso in cui la agenti ci provano ammanettarlo, parte di massacro. Greene viene insultato e picchiato a morte. Quindi, una volta ammanettato, l’uomo viene lasciato per nove minuti spaventoso con la faccia sull’asfalto, incustodito, senza nessuno che lo aiuti. Nove lunghi minuti che avrebbero potuto essere fatali. “Spero che questo figlio di puttana non l’abbia fatto Aiuti“Nel frattempo, si sente dire uno degli ufficiali mentre si puliva le mani macchiate di sangue con un fazzoletto.

Per due anni, il autorità si sono rifiutati di rendere pubbliche le immagini, ma ora era il fileStampa associata per ottenerli e distribuirli. “Una pubblicazione prematura che rischia di invalidare le indagini in corso”, lamentano i vertici delle forze dell’ordine Lousiana. Peccato che ci sia voluto molto tempo per aprire questa indagine 474 giorni, e per mesi la versione ufficiale è stata quella Greene è morto sbattendo contro il suo Suv contro un albero. Un tentativo di coperta e di copertina ora definitivamente smascherato.

“Ce l’hanno omicidio, Ronnie non ha avuto scampo ”, è il grido di dolore della madre di Greene, mentre gli avvocati della famiglia sottolineano le molte somiglianze con il caso di Giorgio Floyd. In corso c’è indagine federale per verificare l’esistenza di una violazione del diritti civili. Ma alla luce del rilascio del video, è probabile che la storia continuerà anche dal punto di vista. penale. Finora, l’unica sanzione imposta è stata la sospensione del servizio di 50 ore per uno degli ufficiali, Kory York, quello che ha trascinato il corpo di Greene e chi ha disattivato il suo corpo Camera. Dei due agenti che stavano inseguendo Greene e più coinvolto nelle violenze, il capo pattuglia Chris Hollingsworth è morto mesi fa in un incidente d’auto poche ore dopo aver appreso che lo sarebbe stato licenziato. Persone Dakota DeMoss è stato invece arrestato in un altro caso, accusato insieme ad altri due agenti di polizia di uso eccessivo della forza nei confronti di un automobilista.

READ  Perché ora i migranti vanno alle Canarie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *