L’Ucraina dovrebbe avere paura dopo la mobilitazione russa?  “Ci sono preoccupazioni, perché la folla è numerosa”

L’Ucraina dovrebbe avere paura dopo la mobilitazione russa? “Ci sono preoccupazioni, perché la folla è numerosa”

Patatine al formaggio ha annunciato la mobilitazione mercoledì: almeno 300.000 riservisti devono essere preparati per la guerra in Ucraina. Ma secondo alcuni esperti, molti più russi sono arruolati, a volte senza alcuna esperienza militare.

inversione

Nelle aree occupate dalla Russia in Ucraina, anche gli ucraini sarebbero stati reclutati per combattere contro Kiev. E anche nell’incontro di oggi di Putin con il presidente Lukashenko, suo alleato in Bielorussia, potrebbe trattarsi della mobilitazione del personale militare lì.

Chiaramente, Putin vuole provare con più truppe per invertire la rotta per la Russia in Ucraina. Eppure non è ancora chiaro esattamente chi andrà in prima linea e se possono fare la differenza.

In ogni caso, la mobilitazione non è priva di combattimenti: da giorni uomini russi cercano di uscire dal Paese a ritroso e sono scoppiate manifestazioni in varie parti della Russia. La Russia vorrebbe anche adesso impedire agli uomini chiamati alla mobilitazione di lasciare il Paese.

“Sembra una banda disorganizzata”, ha affermato Patrick Bolder, esperto di difesa presso il think tank HCSS. “Certo, sentiamo principalmente parlare di eccessi. Ma ce ne sono così tanti che deve esserci del vero”.

Soprattutto, Bolder vede che dopo questo annuncio di Mosca, molte cose vanno storte nell’attuazione nelle regioni russe. “Guardano principalmente ai numeri da raggiungere. Ma vedi che chiamiamo anche tutti i tipi di persone che non sono affatto riservisti, come gli studenti”.

Arm Daghestan è il fornitore della corte

Sembra che molti soldati e riservisti provengano dalle regioni più povere della Russia, dal Caucaso settentrionale e dalla Russia orientale, lontano da Mosca.

READ  Dozzine di arrestati dopo una sparatoria mortale nella sinagoga di Gerusalemme | All'estero

Il Daghestan è senza un soldo, secondo la BBC già fornitore del tribunale del maggior numero di soldati russi uccisi in Ucraina. Questo è dieci volte più del numero di soldati uccisi a Mosca, dove la popolazione è anche cinque volte più numerosa.

Se Putin riesce a mobilitare 300.000 uomini, è un numero enorme. Finora, la Russia ha schierato poco meno di 200.000 soldati per la guerra in Ucraina. Per inciso, non tutti i membri della nuova generazione combatteranno al fronte; parte di esso sarà utilizzata per attività di supporto e logistica.

Poca o nessuna esperienza

I russi che ora sono chiamati devono essere ancora preparati alla battaglia. Alcuni riservisti hanno poca o molto vecchia esperienza militare. In teoria, la preparazione dovrebbe richiedere settimane o addirittura mesi, ma la domanda è se avranno quel tempo. Ci sono anche dubbi sulla qualità delle armi e dell’equipaggiamento con cui devono combattere contro l’Ucraina.

Nonostante la Russia abbia dichiarato sulla carta una mobilitazione parziale, l’Ucraina è già in piena mobilitazione. In teoria, l’Ucraina ha a sua disposizione fino a un milione di soldati. Ma in Russia è 25 volte di più, quindi in numeri l’Ucraina non vincerà la guerra.

Ma il fatto che la Russia ora lasci che così tanti riservisti assumano il servizio non è necessariamente un vantaggio per Mosca, secondo l’esperto di difesa Bolder. “Una tale folla è anche un pesante fardello: va nutrita, vestita e addestrata. Possono intralciare i soldati regolari. Se sono anche impreparati e demotivati, sono particolarmente fastidiosi.

Se la Russia invia ancora più soldati mal preparati in prima linea di quelli che sono già stati chiamati, vedrai scene paragonabili alla prima guerra mondiale, secondo Bolder. “Là, orde di soldati sono state semplicemente inviate sul campo di battaglia. Questo è ovviamente completamente disastroso per la motivazione.”

READ  L'Ucraina possiede solo la fabbrica Azot a Severodonetsk | ADESSO

L’ordine di mobilitazione del presidente Putin è arrivato poco dopo che l’Ucraina ha lanciato un’offensiva di successo nel nord-est. Secondo Bolder, questa offensiva continua costantemente, anche se i guadagni di territorio non sono enormi.

palude

Secondo Bolder, si sa poco di questo stato di cose nel sud-est, intorno a Kherson, a causa di considerazioni tattiche. Nel nord, attaccare l’Ucraina è diventato più difficile poiché i veicoli pesanti sono costretti a rimanere sulle strade più spesso a causa del terreno paludoso causato dal maltempo.

Secondo Bolder, la mobilitazione parziale di 100.000 riservisti in Russia non è un punto di svolta immediato per l’Ucraina, ma ci sono preoccupazioni. “L’Ucraina può scegliere di mantenere l’area che ha appena conquistato. Ma può anche sfruttare il momento in cui i soldati esausti, che da mesi combattono, vengono sollevati dai primi riservisti, per attaccare sul posto.

Secondo Bolder, il presidente ucraino Zelensky cercherà sicuramente di utilizzare la mobilitazione russa per chiedere più armi dall’Occidente.

“Si sente molto poco sul fatto che debbano o possano mobilitare più soldati loro stessi. Una cosa è certa: sono motivati ​​​​a combattere”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *