I risorgenti ungheresi difendono la leadership (!) contro l’Italia: solo in caso di sconfitta nessuna qualificazione alla Final Four Nations League

I risorgenti ungheresi difendono la leadership (!) contro l’Italia: solo in caso di sconfitta nessuna qualificazione alla Final Four Nations League

©AFP

Sì, l’Inghilterra stasera ospiterà la Germania, ma se volete vedere una partita in cui girerà davvero, meglio affrontare Ungheria-Italia in questo girone. Non meno di duecentomila persone volevano essere lì, ma purtroppo la Puskas Arena di Budapest può ospitarne solo un terzo. Questi biglietti sono usciti in meno di un giorno.

L’Ungheria, il brutto anatroccolo del gruppo della morte della Società delle Nazioni, difende il vantaggio sull’Italia. L’Ungheria sì, che in questa stagione ha battuto due volte l’Inghilterra (1-0 e 0-4) e venerdì ha battuto anche la Germania (0-1). Ungheria, mai Magici Magiariperdendo due volte seconda classificata ai Mondiali, ma non si è più vista ai Mondiali dal 1986.

Da quando l’italiano Marco Rossi, ex difensore del Brescia, è succeduto al nostro Georges Leekens nel 2018, ha formato una squadra. Nell’ultimo Campionato Europeo, hanno già impressionato con i pareggi contro Francia e Germania. Il fatto che l’Ungheria sia stata presto fuori dal Qatar e sia arrivata solo quarta in un girone che comprendeva anche Inghilterra e Polonia, è dovuto a due sconfitte contro l’Albania. Tuttavia, possono giocare a calcio, difendersi come una macchina disciplinata anche meglio. Il trio dell’RB Lipsia su cui fa affidamento l’Ungheria è esemplificativo della diversità all’interno della squadra: l’esperienza del portiere Gulasci e del difensore Orban, integrata da giovani talenti come Dominik Szoboszlai.

L’uomo nella foto stasera, invece, il capitano Adam Szalai segnerà l’unico gol contro la Germania di tacco. Il 34enne attaccante dell’FC Basilea lascia la nazionale. Un uomo dal cuore d’oro – una volta curava i tifosi con lo spirito ungherese dopo essersi qualificato e donava passeggini agli ospedali – ma a volte anche con i piedi di piombo. Poiché una volta ha perso troppe opportunità, è stato insultato per molto tempo nel suo stesso paese. Ma il lungo albero Szalai ha sempre perseverato, ed è oggi il segno di questo risorto Magiari maschili. Quindi per l’ultima volta. (kvù)

READ  F1 2022 in numeri - Parte 3 | Come stanno Verstappen, Leclerc e gli altri piloti dopo l'Italia?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *