LUE rivede il PIL dellItalia: in calo nel 2023, in rialzo nel 2024

LUE rivede il PIL dellItalia: in calo nel 2023, in rialzo nel 2024

La Commissione europea ha recentemente pubblicato nuove previsioni sulla crescita economica dell’Italia e del resto dell’Europa. Secondo le stime, il PIL italiano crescerà dello 0,7% nel 2023, una revisione al ribasso rispetto all’0,9% precedente. Tuttavia, per il 2024 le previsioni sono state riviste al rialzo, passando dall’0,8% all’0,9%. Per il 2025, si prevede un’ulteriore crescita con un tasso dell’1,2%.

C’è anche una stima sull’inflazione, che dovrebbe raggiungere il 6,1% nel 2023 (rispetto al 5,9% previsto in precedenza), il 2,7% nel 2024 e il 2,3% nel 2025. Il debito pubblico italiano, invece, passerà dal 141,7% del PIL nel 2022 al 139,8% nel 2023, al 140,6% nel 2024 e al 140,9% nel 2025.

Secondo il commissario europeo Paolo Gentiloni, ci sono vari fattori di incertezza che incidono su queste previsioni, come la guerra in Ucraina e il conflitto in Medio Oriente, ma anche i rischi legati ai mercati dell’energia e agli sviluppi economici in Cina, che è uno dei principali partner commerciali dell’UE.

Gentiloni ha sottolineato l’importanza dell’implementazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) per sostenere la crescita economica italiana. Ha affermato che l’attuazione di questo piano potrebbe portare a un aumento potenziale annuo dello 0,5% della crescita, senza considerare eventuali riforme.

Le previsioni della Commissione europea sul deficit e sul debito pubblico italiano per il 2024 sono superiori alle previsioni del governo italiano a causa dell’aumento del costo degli interessi sul debito e dell’inclusione di misure fiscali come il prolungamento della misura sul cuneo fiscale. Gentiloni ha inoltre citato un aumento previsto dei salari e degli stipendi pubblici, che sono maggiori rispetto alle stime italiane.

READ  Hamelin Prog: il commento della seduta del 30 agosto 2023 su Borsa Italiana

Infine, Gentiloni ha commentato la proposta della Commissione europea sulla riforma del Patto di stabilità, affermando che questa riforma è utile per tutti i paesi e particolarmente importante per l’Italia. Ha sottolineato che le regole fiscali preesistenti non hanno impedito la crescita del debito italiano negli ultimi 25 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *