L’ultima sfida di Trump: inversione di tendenza all’Epifania e guerra per il Senato

Donald Trump si sta preparando per la battaglia finale al Congresso. “Ci vediamo a Washington il 6 gennaio. Da non perdere, le informazioni seguiranno ”, scrive su Twitter il presidente uscente, che in questi giorni si trova in Florida per le vacanze di fine anno nella località turistica di Mar-a-Lago. L’appuntamento arriva il giorno in cui il tycoon intende lanciare l’ultima spinta per cercare di ribaltare il risultato elettorale: il 6 gennaio, infatti, Capitol Hill si riunirà in seduta plenaria per contare ufficialmente i voti degli elettori che il 14 dicembre, hanno confermato la vittoria di Joe Biden.

A quel punto, le controversie potrebbero ancora essere portate avanti, anche se un cambiamento nell’esito del voto in uno o più stati sembra altamente improbabile. Ipotesi per la quale la Camera dovrebbe quindi nominare il nuovo inquilino della Casa Bianca, non sulla base della maggioranza dei seggi (nelle mani dei Democratici), ma delle preferenze delle delegazioni statali (ogni stato un voto), dove i repubblicani d ‘a vantaggio di essere andato a Trump 26 su 50. Eppure queste sono contingenze considerate finzione politica anche dai media più vicini a Donald, come il New York Post, che gli dedica la copertura e scrive: “Basta con questa follia, hai perso le elezioni”. “Sei a favore di un colpo di stato antidemocratico”, ha continuato il giornale, suggerendo che Trump “incanala la sua furia in qualcosa di più produttivo. Pensa al 6 gennaio, è tempo di pensare al 5 gennaio ”.

Giornata conclusiva del voto decisivo per i due seggi in Georgia che determineranno quale partito controllerà il Senato. La corsa nello stato meridionale è fondamentale per l’equilibrio politico dei prossimi quattro anni. Attualmente, il Grand Old Party ha 50 seggi alla Camera alta rispetto ai 48 dei Democratici, e deve vincere almeno uno dei due scrutini per ottenere la maggioranza dei 51 seggi. In una situazione di parità (50-50), il voto decisivo andrebbe effettivamente al vicepresidente Kamala Harris. Se il GOP riuscisse a mantenere il controllo del Senato, però, Biden sarebbe uno zoppo, ea quel punto inizierà il muro di ostruzione dei repubblicani e il tentativo di riconquistare la Camera a metà strada, quindi tornerà a marciare. sulla Casa Bianca. negli Stati Uniti nel 2024, forse con un Trump-bis. Il presidente uscente è ben consapevole dell’importanza del gioco, e infatti il ​​4 gennaio volerà in Georgia per fare una campagna per i due candidati repubblicani (i senatori in carica Kelly Loeffler e David Perdue). “Sarà un grande e bellissimo incontro – assicura – è così importante per il nostro Paese che vincano”.

READ  Elezioni Usa, quotidiano Libero: "La CNN ha revocato la vittoria di Biden in Arizona". Ma l'emittente statunitense nega: "Questo è sbagliato"

Nel frattempo, il magnate cede alle pressioni del Congresso e firma il nuovo piano da 900 miliardi di dollari per aiutare l’economia, nonché la manovra di bilancio da 2,3 trilioni di dollari per evitare il blocco (paralisi della pubblica amministrazione ). Il pacchetto di stimolo anti-Covid include, tra le altre cose, la conferma dell’estensione dell’indennità di disoccupazione e il pagamento di un assegno di $ 600 a persona per chi guadagna meno di $ 75.000 all’anno. Prorogata la moratoria sugli sfratti, stanziati miliardi di dollari agli Stati per la distribuzione del vaccino, ma anche alle piccole imprese, alle compagnie aeree e ai trasporti.

Trump ha insistito fino alla fine affinché l’assegno agli americani fosse di almeno $ 2.000 e, pur decidendo di ratificare la misura, ha fatto appello alla sezione 251 del Bilancio bilanciato e della legge sul controllo del disavanzo di emergenza del 1985, che richiede una revisione dei capitoli sulle spese. . In sostanza, sta chiedendo ai leader della Camera e del Senato di rivedere le attuali assegnazioni modificando le voci “meno utili” per portare il singolo assegno a $ 2.000. Una richiesta che sembra destinata a cadere nel vuoto con i repubblicani, mentre la presidente della Camera Nancy Pelosi vorrebbe seguire le istruzioni di Trump.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *