Lungo viaggio, jet lag e costi alti: i Mondiali di ciclismo in Australia, è complicato |  ADESSO

Lungo viaggio, jet lag e costi alti: i Mondiali di ciclismo in Australia, è complicato | ADESSO

La 95a edizione degli UCI Road World Championships prende il via domenica in Australia, lontano dalla base europea di questo sport. La seconda Coppa del Mondo “Down Under” crea problemi a causa del lungo viaggio, del dislivello e dei costi elevati.

Karsten Kroon ha guidato dodici campionati del mondo nella sua carriera professionale. Il torneo del 2010 a Geelong, in Australia, è stato il suo più duro, e non solo perché è stato attaccato da un attaccante aggressivo durante i giorni di prove prima della gara su strada. gazza australiana.

“Il jet lag ha complicato questa Coppa del Mondo”, spiega l’ex corridore in una conversazione con NU.nl. “Quattro o cinque ore di jet lag sono sempre buone, ma sono otto ore e questa è davvero un’altra storia. Puoi compensare un po’ andando a letto prima a casa, ma sei anche a rischio con il tuo equilibrio ormonale. completamente in stasi”. è confuso. Ho avuto molto jet lag, non ce la facevo”.

Kirsten Wild, che ha gareggiato nella corsa su strada femminile nel 2010, ha affrontato meglio il notevole jet lag. Ma l’olandese fermatosi alla fine dello scorso anno sottolinea anche che è importante che ogni corridore rifletta attentamente su come limitare il più possibile le conseguenze dannose del lungo viaggio. “Puoi essere fuori strada per giorni a causa del jet lag.”

Wild ha sempre seguito un protocollo di jet lag per tutta la sua carriera. Per un viaggio in Australia si alzava sempre a casa un’ora prima, quindi aveva già recuperato almeno la metà delle otto ore di differenza prima della partenza. “Era un po’ antisociale per il fronte interno, perché quando stavo cenando, tutti pranzavano”, ride. “Ma all’arrivo mi sono sentito molto meglio acclimatato per questo.”

READ  Max Verstappen non vede l'ora di tornare in Messico: "Adoro il cibo, soprattutto i tacos!"

Una volta a Geelong, Wild e la sua coinquilina Chantal Blaak hanno fissato ogni mattina per venti minuti una lampada diurna, che l’associazione ciclistica olandese KNWU aveva regalato ai ciclisti per aiutare i loro orologi biologici. “All’epoca era un gadget piuttosto nuovo. Ora ci sono occhiali per la terapia della luce che funzionano molto meglio. Mi è sempre piaciuto pensare a cose del genere. Era professionale e ti sentivi un passo avanti rispetto alla concorrenza”.

Van Vleuten ed Evenepoel sono partiti il ​​giorno dopo la Vuelta

La regola pratica quando ci si adatta al jet lag è che è necessario un giorno per ogni ora di jet lag. A causa del fitto programma ciclistico, non è stato possibile per la maggior parte dei partecipanti alla Coppa del Mondo essere in Australia otto giorni prima della loro prima gara.

Ad esempio, i vincitori della Vuelta a España Remco Evenepoel e Annemiek van Vleuten sono saliti a bordo dell’aereo lunedì scorso, un giorno dopo la fine del Giro di Spagna. Sono tra i favoriti per la cronometro individuale di domenica, l’andata dei Mondiali di Wollongong.

“Annemiek se n’è andato relativamente tardi”, dice Wild. “Quindi abbiamo potuto vedere che stava già lavorando alla Coppa del Mondo durante la Vuelta, ad esempio facendo una corsa di allenamento di 50 chilometri prima della terza tappa del mattino. Ma sarà comunque molto difficile per Annemiek acclimatarsi completamente al tempo prova di domenica. E questo vale sicuramente per uomini che domenica scorsa sono usciti molto stanchi dalle tre settimane della Vuelta, come Evenepoel”.

Mathieu van der Poel inizio anche durante il lungo viaggio in Australia di sabato sera. Da Bruxelles, con scalo a Dubai, vola a Sydney in circa 25 ore. Da lì, è a circa un’ora di macchina da Wollongong, un po’ più a sud.

READ  Bagnaia, pole e record al Montmeló. Sprint alle 15

“È un viaggio lungo e faticoso, ma ne fa parte”, afferma Van der Poel. “Non dormo bene in aereo, quindi mi riposerò e guarderò film. Arriverò lunedì mattina ora locale dopo una notte rotta, ma non è necessariamente una brutta cosa. Perché normalmente sono abbastanza stanco di notte per dormire bene la notte. prima notte.”

La maggior parte dei partecipanti alla Coppa del Mondo si è già allenata in Australia questa settimana.


La maggior parte dei partecipanti alla Coppa del Mondo si è già allenata in Australia questa settimana.

La maggior parte dei partecipanti alla Coppa del Mondo si è già allenata in Australia questa settimana.

Foto: PAPÀ

Diversi toppers saltano il viaggio in Australia

Van der Poel, che è concentrato sulla corsa su strada di domenica prossima, ha deciso solo due settimane fa che avrebbe gareggiato in Coppa del Mondo. Il lungo viaggio era uno dei motivi dei suoi dubbi.

“Abbiamo parlato di altri possibili obiettivi in ​​autunno, come le gare di un giorno in Italia. Penso che molti piloti abbiano avuto dei dubbi. Si vedono anche molti toppers che scelgono di restare a casa”.

Ad esempio, lo sfavorito francese Benoît Cosnefroy, vincitore del GP canadese del Quebec WorldTour la scorsa settimana, ha cancellato a causa del lungo viaggio. E anche il danese Mads Pedersen sta saltando la Coppa del Mondo. “La mia forma è ottima, ma ho anche una vita accanto al ciclismo”, ha detto il campione del mondo 2019 durante la Vuelta, in cui ha vinto tre tappe. “Se avessi guidato il Mondiale, sarei stato fuori casa per sette settimane. Mentalmente non mi sembrava una buona idea”.

Mads Pedersen è diventato campione del mondo nel 2019 nello Yorkshire. Non è in Australia.


Mads Pedersen è diventato campione del mondo nel 2019 nello Yorkshire.  Non è in Australia.

Mads Pedersen è diventato campione del mondo nel 2019 nello Yorkshire. Non è in Australia.

Foto: Getty Images

La federazione irlandese trova la Coppa del Mondo troppo costosa e non manda corridori

C’è anche l’aspetto finanziario di una Coppa del Mondo in Australia. Lo ha detto il direttore della KNWU Thorwald Veneberg due settimane fa lealtà che i costi per l’associazione olandese ammontano a circa 200.000 euro. “Un Mondiale spesso ci costa molto, soprattutto perché partecipiamo a tutte le categorie. Ma questa volta è davvero tanto”, ha detto.

READ  Gresini, ultimo saluto privato a Imola | notizia

A causa dei costi elevati, la federazione irlandese ha deciso di non mandare corridori alla Coppa del Mondo quest’anno. E tutti i corridori neozelandesi e alcuni corridori australiani, che vivono principalmente in Europa durante la stagione, hanno dovuto pagare le proprie spese di viaggio se volevano partecipare.

“Pensavo che la Coppa del Mondo in Australia dodici anni fa fosse uno spettacolo fantastico. E in un certo senso è positivo che lo sport stia diventando globale”, afferma Wild. “Ma per i sindacati, un torneo del genere è una grossa fetta del loro budget. E in questi giorni è anche discutibile se sia positivo per l’intero circo volare in Australia e tornare a causa della sostenibilità. “.

I campionati del mondo di ciclismo iniziano la notte da sabato a domenica all’1:35 (ora olandese) con la cronometro femminile. Gli uomini inizieranno la loro cronometro alle 5:40.

Partecipanti olandesi ai Mondiali d’élite

  • Cronometro femminile: Ellen van Dijk, Annemiek van Vleuten, Shirin van Anrooij
  • Gara su strada femminile: Annemiek van Vleuten, Marianne Vos, Demi Vollering, Floortje Mackaij, Ellen van Dijk, Riejanne Markus, Shirin van Anrooij
  • Cronometro maschile: Bauke Mollema, Daan Hoole
  • Gara su strada maschile: Mathieu van der Poel, Dylan van Baarle, Bauke Mollema, Daan Hoole, Pascal Eenkhoorn, Wout Poels, Jan Maas, Taco van der Hoorn
  • Cronometro a squadre miste: Bauke Mollema, Daan Hoole, Mathieu van der Poel, Ellen van Dijk, Annemiek van Vleuten, Riejanne Markus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *