L’UNICEF segnala un aumento del numero di matrimoni precoci nel Corno d’Africa a causa della siccità |  ADESSO

L’UNICEF segnala un aumento del numero di matrimoni precoci nel Corno d’Africa a causa della siccità | ADESSO

L’UNICEF sta assistendo a un allarmante aumento dei matrimoni precoci nel Corno d’Africa. La causa è la peggiore siccità nella regione degli ultimi 40 anni, secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’infanzia. Questo spinge le famiglie sull’orlo della distruzione, così alcuni genitori decidono di far sposare le loro figlie, a volte di appena dodici anni, con uomini molto più grandi.

Inoltre, molte più ragazze rischiano di essere circoncise in giovane età in preparazione al matrimonio. “I matrimoni infantili e le mutilazioni genitali femminili sono una brutale fine dell’infanzia”, ​​ha affermato Suzanne Laszlo, direttrice dell’UNICEF Paesi Bassi. “Le ragazze smettono di andare a scuola e diventano più vulnerabili alla violenza domestica”.

Laszlo parla di “crisi dei bambini” e chiede maggiori aiuti in Etiopia, Kenya e Somalia. “Non solo per salvare vite a breve termine, ma anche per proteggere le ragazze a lungo termine”.

A causa dell’estrema siccità causata dai cambiamenti climatici nel Corno d’Africa, le fonti d’acqua si stanno esaurendo e molti animali stanno morendo. Le famiglie perdono il loro reddito e non hanno cibo. La guerra in Ucraina sta esacerbando la crisi. La Somalia una volta importava il 92% di tutto il grano da Russia e Ucraina, ma ora le rotte di approvvigionamento sono bloccate.

Secondo le stime dell’UNICEF, oltre 1,8 milioni di bambini hanno urgente bisogno di cure per la malnutrizione acuta pericolosa per la vita. La carestia minaccia 213.000 persone in Somalia, secondo il Famine Early Warning Systems Network.

In alcune parti dell’Etiopia, il numero di matrimoni precoci è più che raddoppiato in un anno. In Etiopia, Kenya e Somalia, il numero di bambini che abbandonano la scuola a causa della siccità è triplicato in tre mesi, da 1,1 milioni a circa 3,3 milioni.

READ  Il tribunale polacco ha ordinato a due accademici di scusarsi per aver accusato l'uomo di complicità nell'Olocausto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *