Maggiori dettagli sulla serie Ryzen 7000 rilasciata

Maggiori dettagli sulla serie Ryzen 7000 rilasciata

Robert Hallock di AMD alcuni dettagli aggiuntivi pubblicati sui prossimi processori Ryzen 7000. TechPowerUp ha chiesto informazioni al responsabile tecnico del marketing di AMD, poiché la presentazione dell’azienda al Computex mancava di profondità.

Robert afferma che il modello della serie 7000 di fascia alta avrà 16 core (32 thread). Come accennato nella presentazione, la velocità del processore supererà i 5 GHz e, sebbene non possa fare promesse sulle velocità di overclock previste, i processori potrebbero facilmente raggiungere i 5,5 GHz. Non è ancora noto se la nuova serie Ryzen abbia anche una v-cache 3D; AMD avrebbe sicuramente ancora piani per il futuro con la tecnologia.

Robert dice anche che AMD punta tutto su DDR5. Zen 4 non supporta la memoria DDR4. L’idea è che ddr5 sarà lo standard per tutta la vita del socket AM5 e spera anche di mantenere bassi i prezzi della memoria. È già noto che i processori Ryzen beneficiano di velocità di memoria più elevate, che non saranno diverse per la serie 7000.

TechPowerUp ha anche chiesto informazioni sul nuovo design del dissipatore di calore. Secondo Robert, le tacche hanno lo scopo di mantenere la compatibilità con i dissipatori AM4. Laddove le prese AM4 avevano spazio nel mezzo per i condensatori, questo non è più il caso di AM5. Inoltre, non c’era spazio sotto il dissipatore di calore, quindi invece di ingrandire il dissipatore di calore, hanno optato per questo nuovo design. I dispositivi di raffreddamento per AM4 potrebbero quindi essere utilizzati in linea di principio anche per i processori AM5.

Secondo Robert, AMD è ancora un po’ titubante al momento con i guadagni di prestazioni esattamente attesi dal nuovo Ryzen. Dovremmo saperne di più entro la fine dell’estate. L’intera intervista con Robert Hallock è può essere letto su TechPowerUp

READ  Udinese, arriva il sostituto di Musso per il gol


Robert Hallock di AMD

Fonte:
Tech Power Up

« Articolo precedente Articolo successivo »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *