Gli Stati Uniti appoggiano le critiche al viaggio del capo delle Nazioni Unite per i diritti umani in Cina

Gli Stati Uniti condividono le critiche dei gruppi per i diritti umani alla visita in Cina dell’alto funzionario delle Nazioni Unite Michelle Bachelet. È la prima Alto Commissario per i diritti umani a visitare il paese in 17 anni, ma i critici affermano che non è stata abbastanza sincera riguardo agli abusi ivi compiuti.

Bachelet, ex presidente del Cile, ha concluso ieri la sua visita di sei giorni con una conferenza stampa in cui ha sottolineato di essere sensibile alle critiche. “Per chiunque mi abbia chiamato per sollevare casi con le autorità, ti ho ascoltato. La tua difesa è importante e la mia visita è stata un’opportunità per discutere di questioni”.

Tuttavia, nella sua conferenza stampa, ha a malapena parlato di specifiche violazioni dei diritti umani, come i campi di rieducazione che la Cina ha allestito per migliaia di uiguri o il lavoro forzato, la tortura e la sterilizzazione che avrebbero avuto luogo lì.

“Questa visita non si prestava a indagini. Un viaggio sotto i riflettori non si presta a ispezioni discrete e attente”, ha difeso Bachelet. “È stata un’opportunità per conversazioni faccia a faccia, in cui potevamo ascoltarci a vicenda, dire cosa avevamo in mente e prepararci per un’interazione significativa in futuro”.

“Trappola di propaganda”

Amnesty International ha respinto il viaggio, durante il quale Bachelet ha anche visitato una prigione nello Xinjiang e ha parlato con il presidente Xi, come foto op. “L’impressione è che, come previsto, sia caduta in una trappola propagandistica tesa dal governo cinese”, ha detto in risposta la presidente Agnes Callamard.

I gruppi per i diritti umani hanno criticato l’incapacità di Bachelet di parlare liberamente con gli uiguri nella regione e la stampa internazionale è stata bandita, entrambi a causa del rischio di infezioni da corona, secondo la Cina. I gruppi di interesse avevano anche sperato che Bachelet parlasse dell’oppressione degli uiguri.

READ  Coronavirus nel mondo: contagi, aggiornamenti e tutte le novità della situazione

“Sembra credere di poter convincere la Cina a essere più morbida con i discorsi dietro le quinte”, ha detto. analizzare Kenneth Roth, direttore di Human Rights Watch. “Ma può parlare finché non vede il blu, Pechino risponde solo alle pressioni dell’opinione pubblica”.

“Un’occasione storica sprecata”

Gli Stati Uniti sono d’accordo con questa critica. “A causa delle condizioni imposte da Pechino, non è stato possibile valutare in modo indipendente la situazione dei diritti umani lì”, ha aggiunto. ha risposto Il ministro degli Esteri Blinken. “L’alto commissario avrebbe dovuto poter parlare confidenziale con gli uiguri”.

Blinken ha parlato di crimini contro l’umanità e di genocidio contro questa popolazione musulmana. Ha criticato il fatto che Bachelet non abbia parlato con una sola persona che abbia vissuto quanto sta accadendo nei campi uiguri.

Anche il WUC, il principale gruppo di pressione uigura, afferma “molto deluso“Come previsto, l’alto commissario ha sprecato un’occasione storica per indagare sul genocidio degli uiguri”. La WUC quindi non trova più Bachelet credibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.