Maradona, il dottore: “Diego ingestibile, deve restare in ospedale! L’alcol come la droga, sono preoccupato”

Alfredo Cahe, storico della medicina di Diego Armando Maradona, ha aggiornato tutti sulle condizioni del Pibe de Oro.

Diego Armando Maradona è “ingestibile” secondo Alfredo Cahe, il suo storico medico, che ha annunciato che sarebbe stato somministrato “una nuova cura“per la sua dipendenza da alcol, mentre l’ex calciatore rimane ricoverato presso la clinica Olivos. In serata per rapporto medico, Cahe ha assicurato che “più a lungo rimani in ospedale, meglio è” ed escludeva la possibilità di continuare il trattamento in un altro paese. “Dobbiamo mettere un nuovo ordine di trattamento. Penso che dobbiamo andare passo dopo passo, tutta la famiglia è d’accordo (ragazze e sorelle) che Diego è ingestibile in questo modo. Deve stare fermo e cercare i migliori professionisti. Diego è come quando L’ho portato a Cuba “, Cahe, che si è unito al team che si prende cura di Maradona, ha dichiarato in dichiarazioni a TyC Sports.

Cahe ha avvertito che l’ex campione del Napoli “continua ad essere un paziente molto complicato”, mentre si sta riprendendo dall’operazione di martedì scorso a causa di un ematoma subdurale. “Chiedo tempo e pianificazione familiare, e l’ambiente che si è stabilito accanto a Diego. Mettere tutto insieme non è facile. L’alcol è una droga. Se fosse un paziente normale, è stato ricoverato in una clinica per tossicodipendenti per tre mesi. e Diego sta guarendo, ma ora non ci pensiamo più, andiamo passo dopo passo “, ha detto Cahe.

“Il controllo è già stato fatto e sappiamo quello che ha. Ma quale sarà il futuro di Diego, è lo sconosciuto che mi preoccupa molto. Non può tornare a casa così solo perché “sta attraversando un periodo simile a quello della droga”, ha spiegato.

READ  Belotti, distorsione al ginocchio destro. I tempi di recupero

Cahe, che 20 anni fa ha accompagnato Maradona a Cuba per superare la sua tossicodipendenza, ha confermato che il suo collega Leopoldo Luque lo aveva chiamato per coordinare le fasi della sua guarigione. “Quando si è svegliato voleva andarsene ma noi l’abbiamo fermato. Adesso è sedato. Più tempo trascorre in ospedale meglio è per lui, nonostante la possibilità di continuare le cure. in un altro paese è escluso “, Cahe ha spiegato. “Deve essere accompagnato da psichiatri, psicologi e terapisti, ma sicuramente starà meglio quando partirà” che quando arriverà “conclude.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *