Marghadi sul bullismo di Egbers e Van Gelder a NOS Sport: “Mi stai privando della mia storia”

Marghadi sul bullismo di Egbers e Van Gelder a NOS Sport: “Mi stai privando della mia storia”

La conduttrice ha affrontato ancora una volta le umiliazioni e i commenti condiscendenti che ha dovuto sopportare nella scrittura sportiva. Soprattutto le esperienze negative con i presentatori Tom Egbers e Jack van Gelder hanno avuto un grande impatto su di lei.

“Clima tossico”

Secondo Marghadi, affermano di non essere responsabili del cattivo clima di lavoro sul posto di lavoro di NOS Sport. “Ma mi stai privando della mia storia e di centinaia di altre persone a cui è successo”, ha detto Marghadi a Beau. Chiama Egbers e Van Gelder “pedine in un clima molto ampio e tossico che viene mantenuto”. “Dicono: la redazione sarebbe dovuta intervenire. Io penso: amico mio, se tu ti fossi comportato bene, non avremmo dovuto affrontare tutto questo”.

Guarda cosa dice a riguardo nella clip qui sotto:

Marghadi è stata subito avvertita quando è entrata a far parte di NOS Sport dall’editore recentemente dimessosi Maarten Nooter su Egbers, a cui voleva chiedere come mentore. “Ha detto: non penso sia una buona idea, Tom ha problemi con le belle donne”, ha detto Marghadi. “Ma ci sono anch’io, ho detto. Ha battuto il pugno sul tavolo: non succederà!”

Van Gelder nella vasca da bagno

Marghadi ha anche raccontato la storia di ciò che ha detto Jack van Gelder quando gli ha chiesto al telefono di diventare il suo mentore. “Ha condiviso i dettagli di come si è rasato la testa”, ha detto a Beau. “Ho pensato, non sono troppe informazioni? Ho cercato di distogliere lo sguardo da quella vasca per tutto il tempo.”

Quando Marghadi gli ha chiesto se voleva farle da mentore, Van Gelder ha scherzato se voleva venire a sedersi con lui nella vasca da bagno. “Tante cose mi passavano per la testa in quel momento. Volevo reagire rapidamente, ma non sai cosa dire. Avevo già sentito delle storie su Jack. Tutto quello che potevo dire era: ti vedo al lavoro.”

READ  Lize Spit scrive Giveaway della Settimana del Libro 2023

Appello: insegnare il rispetto per i bambini

Marghadi invita genitori ed educatori a insegnare ai bambini il rispetto e l’inclusione. Solo allora sarà possibile apportare un cambiamento che assicurerà che la prossima generazione non debba più affrontare ciò che ha vissuto sul posto di lavoro in NOS Sport.

“È troppo tardi per me, la mia carriera è rovinata”, ha detto Marghadi. “Ma spero che mia figlia e la prossima generazione non debbano affrontare tutto questo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *