Martin Brundle difende il collega Ted Kravitz dopo il boicottaggio della Red Bull in Messico

Martin Brundle difende il collega Ted Kravitz dopo il boicottaggio della Red Bull in Messico

Martin Brundle ha difeso il collega Ted Kravitz, criticato dalla squadra degli Stati Uniti dopo il Gran Premio degli Stati Uniti. Corsa dei tori rossi e Max Verstappen. Brundle esprime “pieno sostegno” per l’uomo che ha boicottato Sky Sports in Messico dalla scuderia di Christian Horner e co.

L’intero boicottaggio è stato provocato dalle dichiarazioni rilasciate dal giornalista ai box di Sky Sports Ted Kravitz ad Austin durante la sua rubrica regolare sul taccuino di Ted. Durante lo spettacolo, in cui il giornalista affronta la prima corsa a modo suo, secondo Verstappen, Kravitz ha tagliato il traguardo nei suoi commenti sull’olandese. In linea di principio, non è stato solo per questo preciso momento, ma è stata soprattutto la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Il campione del mondo sarebbe stato più spesso turbato dai commenti sprezzanti che regolarmente si fanno su di lui.

Boicottare

“Che scenario sarebbe stato. Hamilton arriva all’ultima gara per diventare il migliore di tutti i tempi. Viene derubato, torna e l’auto di quest’anno non vale niente e non vince una gara tutto l’anno. Combatte il lo stesso uomo che gli ha rubato il titolo l’anno scorso e riesce a finire davanti a lui”. A causa della prestazione di Kravitz, sarebbe stato positivo per il team Red Bull in Messico. Secondo quanto riferito, Verstappen era piuttosto sconvolto e nessun dipendente della Red Bull ha parlato con nessuna delle squadre Sky Sports in Messico durante quel periodo.

allegria

Nel frattempo è stato anche annunciato che, a partire dal Gran Premio di San Paolo, sarebbero stati nuovamente organizzati colloqui regolari con il mezzo. Il collega di Sky Sports Brundle lo raccoglie per Kravitz due giorni dopo il fine settimana e tutto il trambusto via Twitter. L’ex pilota sembra anche dare una piccola carezza al team Red Bull e Verstappen. “A scanso di equivoci, il mio amico e collega da 26 anni, Ted Kravitz, ha il mio pieno sostegno. Una conversazione faccia a faccia è l’unico modo per risolvere problemi come questo in un luogo spietato come la Formula 1″. paddock. Abbiamo tutti opinioni e un lavoro diverso da fare, questa è la vita”, ha scritto il britannico.

GPFans sta cercando sviluppatori!

READ  Sevilla-Betis, Jordan colpito dagli spalti: gara sospesa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *