Mathieu van der Poel decolla al Tour de France | bicicletta

Van der Poel stava lavorando al suo secondo Tour de France dopo aver terminato il Giro d’Italia all’inizio di quest’anno. Ha vinto una tappa lì e ha indossato la maglia rosa di leader per tre giorni. L’anno scorso ha vinto una tappa del Tour e ha indossato una maglia gialla per i successivi sei giorni.

Van der Poel (27) si è lamentato della sua mancanza di forma dall’inizio di questo Tour. Dopo essere arrivato quinto nella cronometro di apertura a Copenaghen, ha detto che poteva solo sperare in una migliore ripresa. È apparso anche chiaro che gli allenamenti in altura dopo il Giro non gli avevano dato le giuste sensazioni. “È stata solo la settimana prima del Tour che ho iniziato a sentirmi più a casa. Devo superare le giostre venendo qui nel miglior modo possibile. Quindi forse potrei provare qualcosa”, ha detto in quel momento.

Dubbio tra continuare e arrendersi

Van der Poel ha mostrato poco vantaggio in gara. A volte ha cercato di lavorare per il suo compagno di squadra e velocista Jasper Philipsen. Nella tappa lastricata di Arenberg, che in precedenza era stata designata come bersaglio, non ha avuto alcun ruolo. “Non avevo le gambe, quindi sarà un tour lungo per me”, ha detto deluso.

Esitò tra continuare e arrendersi. “Ma so anche che se mi fossi fermato, dopo due giorni a casa, inizierebbe a contorcersi. Voglio continuare ancora per un po’, ma se continua così per molto tempo, non credo che continuerò a farlo. aspetta”, ha detto dopo la sesta fase. Una settimana dopo, la pazienza si è esaurita.

READ  Il Belgio prende in giro lo sketch di Van der Poel di De Ideale Wereld: "Due ragazze nel corridoio"

Newsletter Telesport

Ogni giorno le più importanti notizie sportive, risultati, analisi e interviste.

Indirizzo email non valido. Si prega di compilare di nuovo.

Giglio qua la nostra politica sulla privacy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.