Media: la giuria non prenderà in considerazione una possibile azione penale contro Trump prima di Pasqua |  All’estero

Media: la giuria non prenderà in considerazione una possibile azione penale contro Trump prima di Pasqua | All’estero

La giuria speciale che considera la possibile causa legale dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump nel caso del silenzio della pornostar non si riunirà di nuovo fino a dopo Pasqua al più presto. Ciò significa che una decisione potrebbe richiedere settimane, riferiscono i media statunitensi. Le fonti riferiscono al sito di notizie Politica che potrebbe non essere nemmeno fino alla fine di aprile.

il detto gran giurì deve prendere una decisione sulle accuse e possibilmente un mandato d’arresto per Trump. Ci sono state speculazioni su questo per settimane. Niente affatto dallo stesso Trump, che ha addirittura annunciato su Twitter il giorno in cui sarebbe stato arrestato.

L’accusa riguarda il pagamento di denaro silenzioso alla porno star Stephanie “Stormy Daniels” Clifford. Nel 2016, Trump avrebbe ordinato al suo allora avvocato Michael Cohen di pagare 130.000 dollari in denaro silenzioso a Daniels, la porno star che ha affermato durante la campagna elettorale di Trump di avere una relazione con lui. . Il pagamento del denaro del silenzio sarebbe stato effettuato illegalmente.

L’ex presidente ha sempre smentito la vicenda, ma ha restituito a Cohen i soldi del silenzio a rate sotto la voce “spese legali”. Potrebbe esserci anche evasione fiscale. Trump e i suoi avvocati sostengono che all’epoca fosse stato estorto da Daniels.

‘psicopatico degenerato’

Trump parla di persecuzione politica e mette in guardia sulla sua piattaforma di social media Truth Social di “possibile morte e distruzione” se incriminato. L’ex presidente ha anche pubblicato un fotomontaggio con una mazza da baseball accanto al procuratore distrettuale Alvin Bragg, che definisce uno psicopatico degenerato.

READ  l'interruzione delle esportazioni può moltiplicare le varianti

Il procuratore distrettuale di New York Bragg, che sta conducendo le indagini, ha ricevuto minacce di morte. Una busta è stata consegnata all’edificio degli uffici di Bragg contenente un biglietto che diceva: “Alvin, ti ucciderò”.

Se il gran giurì decidesse di incriminare, sarebbe la prima volta che la giustizia perseguirebbe un ex presidente americano. Trump potrebbe essere sospettato di frode amministrativa più di sei anni fa, quando era candidato alla presidenza.

Il procuratore Alvin Bragg riceve minacce di morte.
Il procuratore Alvin Bragg riceve minacce di morte. ©Getty Images via AFP

Guarda i nostri video di notizie nella playlist qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *