Metà carrozzina, metà deambulatore: il cliente con demenza riceve un deambulatore

Metà carrozzina, metà deambulatore: il cliente con demenza riceve un deambulatore

Una residente della casa di riposo Azora De Meulenbeek cammina con difficoltà, ma ignora il deambulatore. “Non è un mezzo riconoscibile per lei. Non sente la sua età”, afferma il team manager Miranda Tiecken. “Nel suo mondo, è impegnata con i bambini. Può essere impegnata tutto il giorno a prendersi cura delle bambole.”

Questo è più comune nelle persone con malattia di Alzheimer, afferma Dinant Bekkenkamp, ​​leader del team di ricerca scientifica presso Alzheimer Nederland. “Con la demenza, si vedono spesso problemi di memoria e le persone tornano più indietro agli anni che avevano, ad esempio quando si prendevano cura dei bambini”.

Camminatore convertito

La casa di cura ritiene importante rendere queste cose più facili per i residenti. Con le bambole, per esempio. “Abbiamo persino allestito una toletta dove possono divertirsi a lavorare con le bambole”, spiega il caposquadra Tiecken. Al residente che non vuole camminare con un deambulatore piace camminare con una carrozzina. “Ma è fragile e non adatto come ausilio per la deambulazione.”

Una soluzione viene ideata durante una riunione dei residenti, durante la quale il team discute ogni mese il piacere di vivere dei clienti. L’ufficio tecnico ha trasformato un girello in una carrozzina. È un successo. “A molte donne piace.” È stato persino realizzato un secondo passeggino.

È progettato su misura per rendere i residenti il ​​più confortevoli possibile. “Ciò che vale per un cliente non vale per un altro. Ogni persona ha le proprie esigenze e noi cerchiamo di soddisfarle”, afferma Tiecken. È importante sapere in quale fase del processo di demenza si trovano le persone. Le persone possono pensare molto indietro nel tempo nelle loro menti.

READ  Oggi è un altro giorno, Gigi Marzullo e Pino Strabioli contagiati dal Covid. Accusate Serena Bortone e Rai - Libero Quotidiano

“Ma le donne che non hanno avuto figli ne hanno meno bisogno.” Ad esempio, gli animali possono avere lo stesso effetto. “Abbiamo un cane e un gatto robot e cerchiamo di fare molto con animali veri. E abbiamo avuto un cliente che si è calmato quando abbiamo interpretato André Rieu”.

Il passato è importante

Le persone con malattia di Alzheimer guardano sempre più a ciò di cui hanno bisogno per persona, afferma Bekkenkamp di Alzheimer Nederland. “Impariamo di più sulla demenza e su come affrontarla”, spiega. “Il passato è importante: puoi essere quello che eri. E sentirsi utile. »

Ci sono altri esempi di questo. “Ad esempio, una signora era sempre stata una receptionist. Le hanno regalato un tavolo all’ingresso della casa di riposo dove viveva, perché potesse accogliere tutti. Si è sentita utile e valorizzata”, continua Bekkenkamp. “O un idraulico che nel suo trambusto ha iniziato ad allentare il lavandino facendolo perdere. Poi gli hanno dato un kit che poteva fare il fai-da-te.”

Cose come questa sono importanti per i pazienti con malattia di Alzheimer. “Siamo tutti esseri umani. Quando vediamo qualcuno come un essere umano, capiamo che ci sono altri bisogni. Insieme dobbiamo scoprire da dove viene un certo comportamento e come risolverlo. Questo deambulatore è meravigliosamente personalizzato.”

Secondo Miranda Tiecken, stanno facendo del loro meglio nella casa di riposo De Meulenbeek ad Azora. “Il nostro obiettivo è rendere l’ultima parte il più piacevole possibile per queste persone. Lo facciamo nei nostri siti e anche nell’assistenza domiciliare. Questo ti assicura di vedere regolarmente un sorriso sui loro volti”.

READ  Wilfred Genee potrebbe essere agitato se continuare o meno VI 'Non seguire neanche' | ADESSO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *