Migranti statunitensi inviati a Washington per “spettacolo politico”

Migranti statunitensi inviati a Washington per “spettacolo politico”

AFP

Notizie ONS

  • Jesse Nijmeijer

    Editore dell’Ufficio di Washington

  • Jesse Nijmeijer

    Editore dell’Ufficio di Washington

Il sindaco della capitale americana Washington ha dichiarato lo stato di emergenza dopo l’arrivo di oltre 9mila migranti nella sua città. Da mesi arrivano autobus pieni di richiedenti asilo dal Texas e dall’Arizona, al confine con il Messico. I governatori repubblicani in quegli stati stanno cercando di imporre una politica di immigrazione più severa con il presidente Biden.

Per aumentare ulteriormente la pressione sulla Washington democratica, ieri il governatore repubblicano del Texas Greg Abbott ha portato due autobus alla residenza del vicepresidente Kamala Harris.

AFP

Questi venezuelani sono saliti a bordo di un autobus in Texas e sono stati lasciati sul marciapiede del vicepresidente Kamala Harris

Anche il governatore della Florida Ron DeSantis sta iniziando a trasferire i migranti dal suo stato. Va anche oltre: DeSantis ha inviato due aerei che trasportano migranti a Martha’s Vineyard, un’isola al largo delle coste del Massachusetts dove molti ricchi americani hanno case per le vacanze, incluso l’ex presidente Obama.

Secondo DeSantis, “ogni comunità in questo paese dovrebbe sopportare lo stesso peso, non solo gli stati repubblicani”. Con questo, si riferisce a stati di confine come il Texas e l’Arizona. Il governatore Abbott accusa il presidente di “mettere in pericolo la vita di texani e americani”.

Anche New York e Chicago hanno visto arrivare autobus, anche se in numero minore. I sindaci delle tre grandi città lo chiamano spettacolo politico. “Le persone si stanno rifugiando qui e sono trattate con tale crudeltà dal governatore del Texas”, ha affermato Eric Adams, sindaco di New York.

mesi pesanti

I cugini Yibr (21) e Daniel (22) viaggiano dal Venezuela da tre mesi. A parte il Venezuela, i migranti su questo autobus provengono principalmente dalla Colombia e dal Perù. Lungo la strada, hanno dovuto dire addio al fratello di Daniel. Le guardie di frontiera del Texas li hanno separati e hanno messo il fratello su un autobus per Chicago.

ILLUMINATO

Yibr e Daniel dal Venezuela, dopo il loro arrivo a Washington

I cugini raccontano di aver passato mesi estenuanti, viaggiando a piedi attraverso giungle, città e otto paesi, rischiando la vita. È stato particolarmente difficile in Guatemala e in Messico. Il loro percorso è stato bloccato più volte e hanno dovuto corrompere poliziotti corrotti per passare.

Molti altri passeggeri di autobus li hanno incontrati all’inizio del loro viaggio, dicono. Ora sembra un po’ una famiglia, che è diventata sempre più piccola a causa di tutti i rischi lungo il percorso.

“Il più felice e pieno di speranza”

Tatiana Laborde e la sua organizzazione umanitaria SAMU First Response aspettano gli autobus nella capitale americana. “La città non è pronta, ma stiamo cercando di organizzare un buon arrivo con tutte le nostre forze”. Tra le altre cose, Laborde ei suoi colleghi forniscono un pasto. Hanno un rifugio dove possono ospitare temporaneamente una cinquantina di migranti.

Lo stesso Laborde è arrivato negli Stati Uniti 22 anni fa. Trova ciò che sta accadendo ora sconvolgente. “Ogni volta che vedo arrivare un autobus ho le lacrime agli occhi a causa dell’incertezza e della paura con cui le persone devono convivere. Eppure la maggioranza è felice e speranzosa di essere arrivata in questa città. Non si accorgono di essere usato come trovata politica”.

Soldi extra a causa dello stato di emergenza

La Casa Bianca ha reagito con forza, definendo le scelte dei tre governatori repubblicani “vergognose, avventate e sbagliate”. Ma nonostante queste disapprovazioni, Muriel Bowser, il sindaco democratico di Washington, è anche deluso dall’approccio del presidente Biden. La sua richiesta di schierare truppe della Guardia Nazionale è stata respinta due volte. La dichiarazione dello stato di emergenza svincola dalle casse della città dieci milioni di dollari per migliorare l’accoglienza.

READ  Questa foto non è ritoccata: cosa c'è dietro i cani blu?

Yibr e Daniel se ne accorgeranno a malapena. La destinazione finale è stata raggiunta, ma permane l’incertezza. Tutto ciò che hanno con sé è una busta gialla contenente documenti importanti con cui avviano una lunga procedura di asilo. Nelle settimane a venire, Daniel spera soprattutto di trovare rapidamente suo fratello, che da allora è arrivato a Chicago.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *