Milan-Juve, Asl pronta a bloccare il via in caso di epidemia

Dopo i contagi di Alex Sandro e Cuadrado, è intervenuto il regista Testi: “Al momento, però, siamo lontani anni luce da un problema di salute pubblica”. E il commissario Marnati assicura: “Si giocherà Milan-Juve”

L’ombra dell’ASL su Milan-Juve. Dopo i punti positivi di Alex Sandro e Cuadrado, l’azienda sanitaria torinese non esclude il blocco della partenza dei bianconeri per il Milan qualora si dovessero scoprire altri casi. A parlare è Roberto Testi, direttore del servizio di prevenzione della città dell’Asl di Torino: “L’azienda ha subito messo in guardia contro entrambe le positività, ma per il momento, poiché tutte le altre sono negative, noi Non si può parlare di epidemia – spiega – Se ci sono stati nuovi casi ed è stata confermata in squadra un’epidemia incontrollata, allora l’ASL, per l’incolumità dei giocatori stessi, sarebbe costretto a intervenire bloccando la trasferta ”.

L’assessore: “Stiamo giocando”

Ma le parole di Testi sono state poi pronunciate dal consigliere regionale per l’emergenza Covid-19 della Regione Piemonte, Matteo Marnati: “Si giocherà Milan-Juventus. Ho appena sentito il direttore generale dell’ASL Torino. e lui ha risposto che non lo era, nessuna decisione è stata presa – ha detto in collaborazione con Top Calcio 24 – Il nostro interesse è che le autorità sportive si occupino della questione. Non c’è urgenza che giustifichi un intervento dell’ASL di Torino. Posso assicurare ai tifosi che la gara si farà. Credo che Testi sia stato frainteso “. Ed ecco un altro intervento del medico che dichiara:” Io ” Sono stato molto chiaro, solo se ci fosse stata un’epidemia che dovevamo intervenire. Al momento siamo lontani anni luce da un problema di salute pubblica “.

READ  Lazio, porta bollo Covid. Il laboratorio: 'Col Toro in campo solo negativi'

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *