Milan, l’ammissione di Zlatan Ibrahimovic spiazza i tifosi

Pioli mi ha chiesto cosa volevo fare. Gli ho detto: “Non sto andando avanti. È abbastanza’. Anche la mia famiglia è importante, sono solo qui, è un sacrificio. Sei mesi va bene, ma un altro anno come questi sei mesi non lo è. Ha accettato, con molto rispetto, ma il giorno dopo ci siamo parlati di nuovo e mi ha detto: “Se rimani, qui sarà qualcos’altro. E qualcosa è veramente cambiato, non volevo rimpianti. È Ho deciso di continuare “.

La confessione viene dalla voce di Zlatan Ibrahimovic , durante una lunga intervista con Massimo Ambrosini per “Sky Sport”. Parole che commuovono i tifosi rossoneri, sicuramente felici che il bomber svedese abbia deciso, alla fine, di riconsiderare e continuare ad indossare la maglia del Milano .

“Già alle Unito Pensavo di smetterla – ha aggiunto Ibra -. avevo 35-36 anni , l’anno prima ferita grave in Europa League. Quando mi sono ripreso, mi sono detto di andare avanti il ​​più a lungo possibile. Chi sono io senza il calcio? Quando non fai quello che fai da 25 anni, non è facile. Adesso Non sono pronto per partire , Mi sento così bene “.

Dopo la “confessione”, spazio all’amarcord: “La prima esperienza al Milan? Galliani è stato caricato, è venuto da me a Barcellona , si tolse la giacca, si sedette e disse che non se ne sarebbe andato finché non fossi stato con lui. Mia moglie lo guardò e gli chiese “chi è questo?” “.

Quasi un decennio dopo, la rimonta: “Invece di arrivare in una squadra che è già al top, è meglio riportalo all’inizio . Se avessi avuto paura, non avrei firmato. Come allo United: mi hanno detto che dovevo perdere, che ero troppo vecchio. lo voglio L’opposto di quello che dicono tutti ”.

READ  Coppa America, Luna Rossa batte la Nuova Zelanda nella seconda regata: è 1-1

“Dieci anni fa, avevo un altro status, un altro ego . Ma oggi ho più esperienza. Quando sei giovane, sei più rock ‘n’ roll, ora capisco meglio le situazioni. Ma se perdi un passaggio o non ti alleni bene Ti dico . Quindi dipende da te come lo prendi. Ma la squadra la prende bene: mi dicono “mostraci la strada e noi ti seguiremo”.

OMNISPORT | 05/12/2020 08:17

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *