Milan, Zlatan Ibrahimovic è sbilanciato sul suo futuro

La settimana più strana nella vita di Zlatan Ibrahimovic è dietro.

La controversa presenza del campione svedese al Festival di Sanremo È stato un successo, nonostante l’audace inaspettato arrivo nella tarda serata di mercoledì, quando un incidente in autostrada ha costretto il fronte Milano una chiedi un passaggio a un motociclista.

Adesso è il momento di tornare a pensare solo al calcio, cioè Milano e forse anche a Squadra nazionale svedese, che potrebbe accoglierlo nuovamente dopo quasi cinque anni per le prime partite di qualificazione in Globale 2022.

Zlatan Ibrahimovic ha chiuso la sua “maratona televisiva” con un ospite a “Che Tempo che fa”, su Rai Tre, parlando inevitabilmente del Festival e di Milano.

“Puoi fare un film su quel giorno – rivela Ibra – l’unica preoccupazione che avevo era che nessuno mi credesse, quindi facevo piccole clip mentre era alla guida. Pesavo molto di più di lui, dovevo stare in mezzo. Qualcuno ancora non mi crede. Quando siamo arrivati ​​l’unica cosa che ho chiesto era una foto, ma ero di fretta. Gli ho detto di aspettare, ma è tornato a casa ”.

“Quando sono entrato nella scena dell’Ariston – ha proseguito lo svedese – non volevo sapere le domande o altro. Quindi mi viene in mente da solo, ovviamente. È stata una bellissima esperienza, non sapevo cosa aspettarmi. Mi hanno detto che sarebbe andato tutto bene e che dovevo essere me stesso ”.

Poi si torna alla bomba del calcio e così via forti motivazioni chi guida Zlatan: “Ho tante responsabilità, mi sento un leader. Questa squadra è l’unica in cui mi sono emozionato. Voglio guidare. Oggi volevo essere a Verona perché mi sento troppo dentro questo gruppo. Quanto passo un giorno senza di loro è come un giorno senza i miei figli ”.

READ  LIVE TMW - Sorteggio Europa League: Besiktas o Rio Ave per il Milan se passano il turno successivo

Dopo queste parole, pensa al rinnovo è spontaneo…: “Vediamo. Dipende da Maldini, se vuole ci sarò “, ha detto Ibra, che non ha ancora deposto le armi per il scudetto.

“Tutto può succedere. Questo è il momento decisivo, abbiamo più partite dell’Inter. Credo in quello che sto facendo. Il mio lavoro è vincere trofei e sono al Milan per vincere”.

OMNISPORT | 07-03-2021 23:53

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *