moderato oltre confine, pronunciato di destra in Italia

moderato oltre confine, pronunciato di destra in Italia

moderato oltre confine, pronunciato di destra in Italia

Quando Giorgia Meloni diventa ufficialmente Presidente del Consiglio d’Italia il 22 ottobre, c’è nervosismo in Europa. Perché il politico da corsa è il leader del partito di destra radicale post-fascista Fratelli d’Italia. C’è preoccupazione a Bruxelles: l’Italia uscirà dalle righe? Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, preoccupata, avverte a più riprese Roma di “avere i mezzi per mantenere l’Italia sulla via democratica”.

Da allora queste preoccupazioni sono scomparse. Giorgia Meloni (46) sembra non cercare scontri con i partner tradizionali dell’Italia e posiziona il suo Paese al suo posto tradizionale: al centro dell’UE e della NATO. Il suo primo viaggio all’estero da presidente del Consiglio è stato a Bruxelles, e il governo italiano punta sui legami con Berlino e Parigi. Non per niente la Meloni, da ministro degli Esteri, ha al suo fianco Antonio Tajani, non certo euroscettico.

Con Meloni al potere, Roma ha continuato a sostenere l’Ucraina come promesso. Sebbene abbia due leader di partito nella sua coalizione di governo di destra – Matteo Salvini e Silvio Berlusconi – che hanno un punto di vista diverso a causa delle loro simpatie filo-russe, lei è più forte di quei due. Quindi le armi continuano ad andare verso Kiev. Lo scorso febbraio, il Primo Ministro ha incontrato lì anche il Presidente Volodymyr Zelensky.

C’è poco spazio di manovra finanziariamente

“Giorgia Meloni rassicura Ue, Nato e Stati Uniti che non è né pericolosa né antidemocratica. Dà un’immagine dominante di sé», ha detto al telefono Cecilia Emma Sottilotta, docente di scienze politiche all’Università per Stranieri di Perugia.

Lo riferisce all’agenzia di stampa Reuters la politologa Sofia Ventura: “La Meloni ha moderato le sue dichiarazioni da quando ha lasciato l’opposizione. Ha capito che doveva cambiare il suo profilo per essere un leader internazionale credibile.

La Meloni difficilmente può fare diversamente: l’Italia non ha quasi più margini di manovra. Il paese ha ancora un enorme debito pubblico ed è profondamente ancorato all’euro: la solidarietà di Bruxelles è essenziale. Qualsiasi balzo in avanti porterebbe immediatamente a tensioni sui mercati finanziari: i tassi di interesse sui titoli di Stato italiani aumenterebbero e l’indebitamento costerebbe solo di più a Roma.

Né Meloni può rischiare il prosciugamento del flusso di quasi 200 miliardi di euro dal fondo di recupero corona dell’UE. Il suo predecessore Mario Draghi ha registrato dove e come vengono spesi questi soldi. La Meloni riceverà i miliardi in incrementi fintanto che attuerà questi piani e riforme concordati.

In Italia, persegue una rotta decisamente destrorsa

Così, mentre l’Italia si attiene alla sua tradizionale politica estera, la Meloni ha preso una rotta decisamente di destra in patria. Il governo e il parlamento stanno lentamente adottando le misure molto conservatrici che ci si aspetterebbe da Fratelli d’Italia, Lega e Forza Italia.

Ad esempio, il governo vuole tenere lontani i migranti con tutte le sue forze e quindi limita il raggio d’azione delle organizzazioni umanitarie che raccolgono i migranti in barca nel Mar Mediterraneo con le loro navi di soccorso. Attualmente sono in corso piani per rendere più difficile l’ottenimento del permesso di soggiorno per un gruppo di richiedenti asilo. Il governo Meloni cerca anche ulteriori opportunità per deportare gli immigrati.

Poiché Fratelli d’Italia ritengono che i disoccupati debbano mettersi al lavoro invece di “sdraiarsi sul divano di casa”, il reddito civile – una sorta di assistenza sociale – è molto ridotto e limitato. Questo beneficio è stato introdotto qualche anno fa dal Movimento Cinque Stelle; Gli italiani non avevano mai sperimentato un simile ammortizzatore sociale per i più poveri.

Gli italiani dovrebbero avere più figli, ma solo nelle ‘famiglie tradizionali’

Inoltre, Meloni chiede a gran voce agli italiani di avere più bambini, poiché il tasso di natalità è estremamente basso e in calo. Per lei i figli nascono solo in “una famiglia tradizionale” con un padre e una madre. Per questo dal mese scorso le coppie omosessuali non possono più registrarsi come genitori all’anagrafe. Lì solo un genitore biologico è riconosciuto come tale (l’Italia non ha il matrimonio tra persone dello stesso sesso).

Le idee dei Fratelli in Italia in questo campo si chiariranno anche questa settimana. Il cognato e ministro dell’Agricoltura della Meloni, Francesco Lollobrigida, ha detto a un congresso: “Non dobbiamo assecondare l’idea della sostituzione razziale: gli italiani fanno meno figli e noi li sostituiamo con altri. Questo non è il modo. La sostituzione razziale è un concetto che ha avuto origine nelle teorie del complotto di estrema destra; l’opposizione di sinistra chiama questa affermazione “volgare propaganda razzista”.

Sul peluche, Giorgia Meloni si dimostra una potenza politica. Gli analisti la trovano “sveglia, intelligente, pragmatica”. La prima donna premier italiana appare sempre curata alla perfezione, con gioielli, tanto trucco e capelli biondi asciugati con il phon. Il politologo Sottilotta: “La Meloni indossa spesso tinte pastello, sempre per rassicurare. Lei calcola. Un politico esperto con forti istinti politici.

Al momento molti italiani ritengono che Giorgia Meloni stia bene. A settembre, il suo partito ha ottenuto il 26% dei voti alle elezioni nazionali. Nei sondaggi in corso la Meloni può contare sul 30%.

Leggi anche:

La Meloni aveva promesso di fermare l’immigrazione clandestina, ora è alle prese con la realtà

La guardia costiera italiana fa fatica a far fronte al lavoro: in alcuni giorni arrivano contemporaneamente migliaia di migranti. Il premier Giorgia Meloni vuole un intervento urgente, ma quali sono le sue opzioni?

READ  "Lautaro più forte di G. Jesus. Inter, quasi fatta per Tonali e ..."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *