Molte domande sui russi uccisi nel video ucraino, le Nazioni Unite chiedono indagini

Telegramma

Notizie ONS

  • Christian Paauwe

    Editore straniero

  • Christian Paauwe

    Editore straniero

“Chi di voi è un ufficiale?” grida un soldato ucraino nel video. I russi escono da una fattoria con le mani alzate e si sdraiano uno accanto all’altro a terra. “Sono tutti fuori?” continua a chiedere l’ucraino. Quando emerge un undicesimo soldato russo, sembra aprire il fuoco. L’immagine si muove e si sentono delle esplosioni, dopodiché il video finisce.

Quello che succede dopo non è chiaro. Ma i filmati ripresi in seguito mostrano che dopo l’incidente, almeno 11 soldati russi giacciono senza vita con pozze di sangue sul terreno. Da allora è stato stabilito che l’incidente sia avvenuto intorno a una fattoria a Makiivka, una città ucraina nel Donbass che è stata riconquistata dalla Russia questo mese dopo pesanti combattimenti.

La Russia parla di esecuzioni e afferma che il filmato dimostra che l’Ucraina è colpevole di “crimini di guerra scioccanti”. L’Ucraina sottolinea che i russi hanno aperto il fuoco per primi ei loro soldati hanno solo risposto al fuoco, e afferma che sta indagando sull’incidente.

Non si può dire se sulla base dei video siano stati commessi crimini di guerra, conclude Iva Vukusic dell’Università di Utrecht. Conduce ricerche su genocidio e crimini di guerra. “La Convenzione di Ginevra (che stabilisce le leggi di guerra, ndr) prevede che non si possa pretendere di arrendersi”, spiega Vukusic.

Video dell’incidente è apparso sui social media la scorsa settimana. Il primo video è stato pubblicato con la musica sotto. Attenzione, le immagini possono essere vissute come scioccanti.

Secondo Vukusic, quando qualcuno che si arrende inizia a sparare, può rispondere al fuoco. Il video mostra uno dei soldati ucraini sdraiato a terra con una mitragliatrice e che fornisce copertura mentre i russi escono. Vukusic: “Se ha aperto il fuoco sul russo che ha sparato, non è crimine di guerra”.

La domanda è cosa è successo accanto ai prigionieri di guerra che erano già sul campo. Secondo l’esperto della difesa George Dimtriu del Clingendael Institute, ci sono due opzioni: nel panico che ne è seguito, tutti i prigionieri – compresi quelli che giacevano a terra – sono stati fucilati, oppure gli uomini a terra sono stati poi giustiziati per vendetta.

Gli ucraini erano in minoranza rispetto ai russi, conclude Dimitriu dai video. I prigionieri di guerra non erano ancora disarmati. Devono aver gettato a terra la loro arma principale, ma non sono ancora stati cercati coltelli o pistole, per esempio. Possono quindi ancora rappresentare una minaccia per l’esercito ucraino.

“Sei sotto alta tensione. Se qualcuno apre il fuoco, può rapidamente intensificarsi”, dice Dimitriu. Il ricercatore è anche un ufficiale dell’esercito e ha dovuto catturare combattenti in diverse occasioni durante gli schieramenti in Afghanistan. Dimitriu: “In un momento del genere, la tensione ti strappa la gola. Le unità nei video combattono da molto tempo, quindi opereranno stanche e stressate.”

Crimini di guerra diffusi

La Russia è stata accusata di massicci crimini di guerra dall’inizio dell’invasione quest’anno: esecuzioni, spari contro obiettivi civili, torture e uso di armi vietate a livello internazionale.

L’incidente viene citato in Russia come prova che non è la Russia, ma l’Ucraina a essere colpevole di crimini di guerra. Il ministero della Difesa russo parla di “deliberata e metodica uccisione” di soldati. Un blogger a favore della guerra ha concluso che le immagini mostrano “ciò contro cui la Russia sta combattendo”.

Secondo Kiev, le immagini non provano che i soldati ucraini abbiano commesso crimini di guerra. L’Ucraina farebbe bene a prendere il maggior numero possibile di prigionieri di guerra russi. “Non possiamo scambiare tutti i soldati russi giustiziati con la Russia”, dice il viceministro contro l’agenzia di stampa AP. “Quindi non ha senso farlo.”

Hanno sentito raffiche di arma da fuoco o singoli colpi di arma da fuoco per un lungo periodo di diverse ore, il che indicherebbe esecuzioni.

Vukusic, ricercatore

L’organizzazione delle Nazioni Unite per i diritti umani ha affermato che continuerà a guardare i video. “Le accuse di esecuzioni di persone che non combattono più devono essere oggetto di indagini approfondite”, ha detto un portavoce all’agenzia di stampa Reuters. “I potenziali colpevoli devono essere assicurati alla giustizia”.

A causa di tutta l’attenzione che ha ricevuto, l’esperto di guerra Vukusic si aspetta che la questione venga indagata a fondo. In questo modo, le persone della zona potranno raccontare ciò che hanno sentito. Vukusic: “Hanno sentito raffiche di arma da fuoco o colpi singoli per un lungo periodo di diverse ore – il che indicherebbe esecuzioni.

Anche l’Ucraina ha interesse a vedere questo chiarito, afferma Vukusic. Il governo vuole dimostrare che il Paese rispetta le regole internazionali e non è colpevole di crimini di guerra come la Russia. “Dopo queste immagini, il governo vorrà chiarire: siamo diversi dalla Russia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.