Molti morti e feriti in due incidenti sulle autostrade turche |  All’estero

Molti morti e feriti in due incidenti sulle autostrade turche | All’estero

L’incidente mortale nei pressi di Gaziantep è stato il risultato di un precedente incidente stradale. Un furgone aveva lasciato la strada e sul posto si sono precipitati polizia, vigili del fuoco, personale ospedaliero e giornalisti dei media locali. Si sono fermati sul posto, dove un altro autobus è andato a sbattere contro veicoli fermi. I morti includono tre vigili del fuoco, due conducenti di ambulanze e due giornalisti, ha detto il governatore della regione. Il governo turco ha annunciato un’indagine sull’incidente.

Un camion colpisce la folla senza frenare, uccide 16 persone

Nella cittadina turca di Derik, nella provincia di Mardin, sabato sera un camion i cui freni non avevano funzionato ha colpito un gruppo di persone. Il ministro della Salute Fahrettin Koca ha detto al canale di notizie TRT che 16 persone sono rimaste uccise nell’incidente. Inoltre, 29 persone sono rimaste ferite, otto delle quali sono in gravi condizioni. Il tribunale ha disposto un’indagine sui fatti.

Il camion, che non ha potuto rallentare a causa di un malfunzionamento tecnico, ha prima urtato due auto nei pressi di un distributore di benzina, si è ribaltato ed è finito tra la folla. Nel caos che ne è seguito, un altro mezzo pesante ha investito diversi passanti e soccorritori.

Oggi, un numero simile di persone è stato ucciso in un tamponamento su un’autostrada vicino a Gaziantep. Tra le vittime vi erano vigili del fuoco, paramedici e due giornalisti. Erano venuti a ricevere segnalazioni di un grave incidente stradale. Giunto nel punto in cui un’auto aveva lasciato la strada, poco tempo dopo, un autobus si è imbattuto, tra gli altri, nei servizi di emergenza e nei loro veicoli. 22 persone sono state trasportate in ospedale con ferite.

READ  Morto Desmond Tutu, arcivescovo che sconfisse l'apartheid in Sudafrica - Corriere.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *