MotoGp, la rivelazione di Franco Morbidelli su Valentino Rossi

Dopo la vittoria della Coppa del Mondo Moto2 nel 2017, Franco Morbidelli ha vissuto in clandestinità i suoi primi due anni MotoGp, prima di esplodere letteralmente in questa stagione. Il pilota del Yamaha Petronas, nuovo vincitore di GP di Teruel (seconda gara vinta in questa stagione) è quarto nella classifica mondiale e non nasconde le sue ambizioni in un’intervista al Corriere della Sera.

Il più grande grazie, inevitabilmente, è per Valentino rossi, Mentore di Morbidelli non solo in pista. Dopo lo shock per la morte del padre, suicidatosi nel 2013, il pilota romano parla dell’importanza di aver avuto vicino Valentino, definendolo “uno zio”.

Per ‘Morbido’ Rossi è “la persona che ammiro di più ea cui devo molto. Dopo la morte di mio padre, mi chiuse in una stanza e disse: se hai bisogno di me, sono qui. Lui ha me insegna, Aiuto, ispirato. È Carlo Casabianca, preparatore atletico. Forse Carlo ha svolto una funzione paterna. Poi c’è Francesca, la mia ragazza. Eravamo a scuola insieme, mi accompagna con amore, senza paura. Le donne sono più forti di noi ”.

Con il “Dottore”, Morbidelli farà squadra nella squadra Yamaha Petronas nella stagione 2021. Il 25enne (ne compirà 26 il 4 dicembre) non è preoccupato che la rivalità interna possa in qualche modo influenzare un’amicizia di lunga data: “Vale e io lo sappiamo già”, dice.

“Stiamo combattendo, mi fa impazzire quando succede e ha identici sentimenti – aggiunge il romano -. Il bello è che siamo così amichevoli da non nascondere nulla. La rivalità si sta avvicinando. Siamo due personalità che stanno bene insieme. La nostra è un’unione molto più forte di qualsiasi antagonismo ”.

READ  "Aggiunte elaborate e ipotetiche al protocollo"

Al momento Rossi è arrestato per il positività al coronavirus. La situazione generale e le paure di Covid-19, rattrista Morbidelli: “Spero che questa criticità unisca le persone. il sport aiuta, cercare di ottenere buoni risultati migliora la vita quotidiana. E se riuscirò a fare bene penso che darò un piccolo contributo ”.

Il campione del mondo Moto2 2017 sogna titolo mondiale anche in MotoGp. Allo stesso modo in cui Valentino cerca il decima affermazione in carriera in MotoGP. Morbidelli, però, non vuole dire troppo su nessuno di loro: “Oh, quella domanda è pericolosa. Posso evitarlo? È una domanda troppo superstizioso“.

OMNISPORT | 29-10-2020 11:28

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *