Mourinho, paradiso improvviso

Il paradiso inaspettatamente: all’improvviso. Paradiso come stato dell’anima, luogo della speranza e del desiderio, forse anche dell’illusione di una nuova grandezza e di una nuova centralità; grandezza e centralità che solo Mourinho, Guardiola e Zidane possono promettere oggi. E poi “daje”, dove un giorno era “non sono un idiota”, e lo diciamo ancora a vicenda. Roma, dove l’Inter era nel 2008 e gli alti nel 2010. E l’entusiasmo, dove l’amarezza e la depressione hanno regnato fino a ieri e le parole più ricorrenti sono state esonero, rassegnazione, fallimento.

I Friedkins hanno commosso tutti – ma proprio tutti – con un americano, il dribbling vincitore di intuizioni e decisioni: hanno lasciato la pista di Sarri per espandersi a Londra e portare a termine un’operazione a Roma che sembrava impossibile e alla quale non hanno partecipato. lo storico avvocato e amico di Special One, Jorge Mendes, né Frank Trimboli, l’agente che lo ha presentato al Tottenham.

Mourinho ha giocato Mourinho, è riuscito a rovinare – solo parzialmente, si nota – una festa dell’Inter per la seconda volta: la prima, la notte di Madrid, quando è partito, fresco di Champions, e in mezzo alle lacrime di Materazzi. Anni prima aveva fatto lo stesso a Porto, tra taglio di capelli, gioia e tradimento.

Mou non è semplicemente un tecnico: è un’icona e un buon comunicatore, è addirittura in difficoltà, anche quando il rapporto con il successo sembra essersi incrinato ei giornali parlano della fine di un mito, di Sunset Avenue. Ma Mou non può essere Gloria Swanson: ha solo 58 anni, quattro più di Allegri e Klopp, sei più di Conte, otto più di Guardiola, quattro più giovani di Ancelotti.

READ  “Bonucci ko. Il mio futuro? Abbiamo ancora tempo "

Durante quelle ore, ha nuovamente diviso il mondo in due. Inoltre, Mou non ha mai cercato o coltivato un consenso: divide deliberatamente e scientificamente. E ha sempre investito nel sentimento di appartenenza (l’appartenenza del momento): da un lato ci sono i romanisti che considerano il suo arrivo come aperture eccezionali di credito, super acquisti, legittimità di ambizioni e sogni. E dall’altra, gli avversari e gli osservatori più sospetti che lo denunciano si sono ridotti al minimo, sono passati.

Certamente, per la prima volta nella sua storia recente, Mourinho ha scelto di correre dei rischi: è troppo ansioso di allenarsi e gareggiare in territori complicati. Così come Roma. Solo Franco Sensi, criticato dagli idioti (termine ora lombardo romanizzato) aveva osato mortificare il suo ego per avere un grande, Fabio Capello, con il quale andò al campionato senza fallo, offrendo al suo popolo una gloria fresca e gioiosa come le forme di Sabrina. . Immagino che il padre Friedkin, affascinato da Rome e Rome, una ragazza indifesa, si sia posto una semplice domanda: “Chi è meglio che faccia il meglio?”. Ripeto: si chiedeva. E si è dato la risposta migliore.

E ora il mio amico di Roma mi scrive: “I Friedkins sono bravissimi! Non vinceremo comunque, ma è un buon segno “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *