il pilota rivela i problemi in pista

Solo sette giri per Marc Marquez nei test MotoGP: lo spagnolo accusa la stanchezza della gara di Jerez

Marc Marquez (Getty Images)

Non riuscivo a guidare a un livello accettabile“. Marc Marquez rinuncia ai test MotoGP e lo fa dopo aver capito che il suo corpo ha bisogno di riposo. Lo spagnolo resta in sella solo per sette giri sulla sua Honda prima di alzare bandiera bianca: troppo dolore, poche possibilità di capire qualcosa sulle novità della moto e quindi è meglio mollare. Dopo il settimo posto a Portimao, il pluricampione del mondo ha chiuso la gara Jerez in nona posizione.

Un weekend caratterizzato da una doppia caduta: prima delle prove libere del sabato, poi durante il riscaldamento. Due incidenti che, con la fatica dei 25 giri di gara, hanno lasciato il segno sul corpo di marchio. Lo spagnolo spiega la sua sosta anticipata: “Questa mattina quando mi sono alzato ho sentito il fianco destro bloccato, a cominciare dalla spalla e dal corpo – le sue parole dopo aver rinunciato alle prove –. Ho provato a fare qualche giro, ma ho capito che non ero in grado di guidare a un livello accettabile“.

LEGGI ANCHE >>> Marc Marquez e problemi in curva: il curioso confronto

Marc Marquez abbandona il test: “Serve pazienza”

Marquez spiega le difficoltà incontrate nella sua seconda gara al rientro dalla tappa lunga: “Durante la corsa è più difficile resistere: se il braccio non funziona bene, ne risentono anche il collo e la spalla“. Esattamente quello che gli è successo, ma dice di aver avuto miglioramenti rispetto al Portogallo, progressi dal punto di vista fisico ma anche dal punto di vista motociclistico:”Avevo sentimenti migliori che a Portimao“Le parole di marchio.

READ  Adesso è Godinopoli: in Sardegna il grande colpo di Giulini. L'uruguaiano guida la difesa

E poi dobbiamo guardare al futuro e “essere pazientare“Trovare la giusta condizione fisica e anche la migliore prestazione. Lo spagnolo attende quindi con impazienza l’appuntamento di Le Mans con rinnovata fiducia: “Vediamo se riusciamo a fare un passo avanti sia in termini di fiducia che di feeling sulla moto.“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *