Nedved furioso che l’arbitro lasci il campo prima della fine di Juventus-Fiorentina

Pavel Nedved è una furia dopo il rigore sbagliato assegnato alla Juventus. Il tecnico bianconero era certo che La Penna avesse concesso il rigore per il Fallo di Dragowski su Bernardeschi subito dopo lo 0-2 della Fiorentina. Ma al contrario, anche dopo essersi consultato con il Var, l’arbitro era convinto a concedere il tiro da 11 metri ai bianconeri. Nedved era molto nervoso all’idea di lasciare lo stadio mandando l’arbitro in questo paese. Il gesto del tecnico della Juventus certifica l’amarezza della Juventus per aver perso una partita soprattutto dopo la condanna su Juventus-Napoli che ha sconvolto la giornata di tutta la squadra.

Ovviamente, come dimostrano le risposte di Paratici Prima della partita contro i viola c’era già qualche rimpianto alla Juventus, che in pochissimo tempo ha visto rivoluzionare il proprio ranking. Il fallo di Dragowski su Bernardeschi avrebbe sicuramente meritato più attenzione da La Penna visto che il gomito del portiere polacco era altissimo. Quello di Nedved è un gesto di resa arrivato al termine di una giornata davvero dura per la Juventus.

La rabbia di Nedved dopo il rigore tocca Dragowksi-Bernardeschi

La rabbia di Pavel Nedved, uscito dall’Allianz ancor prima della fine di Juventus-Fiorentina, certifica la delusione per la Juventus per la sconfitta contro la Fiorentina. Ma soprattutto contro La Penna che non ha concesso un rigore a Bernardeschi dopo un contrasto con Dragowski che avrebbe meritato maggiori consulti con l’arbitro.

Eppure non è stato così con i viola che poi si sono diffusi sulla rete dello 0-3. Per il tecnico bianconero arriva allo scadere della sanzione non concessa alla Juventus una giornata particolarmente difficile per la Juventus sorpresa dalla decisione del Comitato di Garanzia del Cuneo che ha ribaltato lo 0-3 contro il Napoli, cambiando di fatto la classifica della Serie A.

READ  Superlega, le azioni dello spietato Agnelli: telefoni scollegati e parole inghiottite, così ha tradito l'amico Ceferin, l'ECA e i fondi | Prima pagina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *