Nel bel mezzo di una crisi di governo, Matteo Renzi vola a Riyadh per una conferenza di 20 minuti. È membro del consiglio di amministrazione di un’istituzione saudita che ha promosso l’evento

Per un mese e mezzo ha ventilato, minacciato, quindi crisi del governo. Ma negli ultimi giorni, come le cose sono diventate difficili per il Paese, con il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ad un passo dalle dimissioni e rischio elettorale nel mezzo di una pandemia sempre più concreta, Matteo renzi volò Arabia Saudita per partecipare a un evento internazionale. Lo rivela Emiliano Fittipaldi sul giornale Domani, sostenendo che il capo di Vivere l’Italia sieditiComitato consultivo l’agenzia governativa che ha organizzato l’iniziativa. Un appuntamento che, secondo il quotidiano, gli garantirebbe “fino a” 80mila dollari all’anno“Se ha partecipato tutti gli incontri sul calendario. Dopo di che Ieri il presidente del Consiglio ha annunciato la sua intenzione di salire Quirinale dimettersi dalla caricaperò Renzi ha dovuto affrettarsi a tornare quella sera Roma. Il programma prevede che partecipi alle due giornate organizzate da Istituto FII, un’organizzazione controllata dal fondo sovrano saudita, sui temi dell’innovazione nel mondo post-pandemico. Non solo come relatore per un intervento si 20 minutila conferenza è tra le più redditizie nella sua dichiarazione dei redditi 2019 – ma, di fatto, anche come membro del comitato consultivo dell’istituzione.

Il volo per Riyadh è stato confermato anche dalla sua squadra, che in una nota spiega le circostanze del viaggio: “Matteo Renzi non era a Riyadh” per una conferenza di 50.000 euro “ma per un evento internazionale a cui partecipano da anni tanti rappresentanti del mondo della finanza, dell’innovazione e della politica mondiale, organizzati dal Fondo PIF ”. Maggiori dettagli si possono leggere sul sito dell’Istituto FII, dove compare tra i tanti il ​​senatore de Rignano altoparlante, tra cui Anand Mahindra, Jean Todt, CEO di Goldman Sachs David M. Solomon, Jean-Bernard Lévy. Secondo il programma della manifestazione, Renzi avrebbe dovuto parlare la sera del 28 gennaio Dalle 8:30 alle 8:50, in una conferenza dal titolo “Ridefinire la leadership per l’era post-Covid: come ispirare un rinascimento economico nel 21 ° secolo”. Accanto al suo nome c’è anche la conferma formale di un ruolo che ricopre all’interno dell’organo di governo: “membro del consiglio di amministrazione”. Il giornale Domani afferma che Renzi parteciperà sempre all’evento saudita, collegandosi da remoto come tanti altri oratori, e dovrebbe anche prendere “il quota di partecipazione garantito dal contratto ”(la conferenza invece è gratuito). Mentre il capo di Stato chiamato il consultazioni e la sua festa, Italia viva, è attesa al Quirinale giovedì alle 17.30.

READ  La madre è morta in un incidente, ha salvato i suoi due figli piccoli FOTO

La missione dell’Istituto FII – organizzazione alla quale, secondo il giornalista Fittipaldi Renzi, partecipa dal 2017 – si aggiunge quindi alle tante altre attività congressuali che l’ex presidente del Consiglio ha svolto da quando ha lasciato Palazzo Chigi. Secondo l’ultima dichiarazione dei redditi recentemente rilasciata in data Sito web del Senato, risulta che nel 2019 abbia incassato un milione, 92mila e 131 euro e pagato 425mila e 655 euro di tasse. Gran parte proviene da eventi a cui partecipa in tutto il mondo: a gennaio di due anni fa era a New York per Goldman Sachs, poi di nuovo a Riyadh per il Commissione saudita per il turismo. A marzo è atterrato negli Emirati per due eventi ed è tornato a Londra per conto di Algebra. Lo stesso anno, un’altra visita nella capitale dell’Arabia Saudita ha portato alla Conferenza sul settore finanziario. A maggio partecipa allo Swiss Economic Forum di Interlaken e ad Astana in Kazakistan per il 12 ° Foro Economico. Poi ci sono gli inviti in Cina, Seoul, Atene. Tutti gli eventi che hanno accompagnato la sua attività politica, l’ultimo dei quali è stato il ritiro della delegazione italiana vivente governo giallo e rosso.

Il viaggio in Medio Oriente spiega anche il silenzio dei media dietro cui Renzi si è rifugiato in questi giorni, dopo settimane di presenza a Sale TV, nelle notizie e sui principali quotidiani. Mentre Pd, Movimento 5 stelle e Leu si sono impegnati fino in fondo per evitare la caduta dell’esecutivo, che poi si è materializzata improvvisamente tra il 25 e il 26 gennaio, ha mandato avanti i suoi uomini per cercare di gestire la situazione, tra richieste di notizie “dialogoE cerca di liberarsi dalle accuse di aver aperto una crisi nel mezzo di una pandemia. Solo oggi il capo di IV, tornato da Riyadh, ne ha scritto uno nuovo e-news. “Il presidente Conte ha preso atto di non avere le cifre e si è dimesso”, ha scritto. “Dopo giorni di fango contro di noi tutto è più chiaro. Non è stata Italia Viva ad aprire la crisi: L’Italia sta affrontando una crisi che vi farà tremare i polsi “. Poi torna sulle domande già affrontate da quando ha iniziato lo strappo con la maggioranza:” Siamo tra i peggiori al mondo come PIL nel 2020, come popolazione / decessi per Covid, come il numero di giorni di scuola persi dai bambini: “Secondo lui, è per questo che deve essere fatto”.ciò di cui il paese ha bisogno, ai suoi insegnanti, ai suoi lavoratori, ai suoi giovani: un governo serio, del legislatore, che fornisce risposte concrete e non evasive alle drammatiche sfide della pandemia ”. Poi la promessa: “Andremo al Quirinale senza pregiudizio. Per noi la priorità è aiutare i cittadini a uscire da questa impasse e non solo dalle difficoltà economiche. Sprecare denaro di recupero, perdere tempo con i vaccini, ritardare il ritorno a scuola, vivere di sussidi lo sarebbe errori imperdonabili“.

READ  il virus arriva sul tetto del mondo - Corriere.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *