Nel Giorno della Vittoria, Putin ripete il suo messaggio obbligatorio ma non per questo meno minaccioso

Nel Giorno della Vittoria, Putin ripete il suo messaggio obbligatorio ma non per questo meno minaccioso

Il presidente russo Vladimir Putin non era solo presente nella Piazza Rossa di Mosca, ma sembrava anche piuttosto rilassato durante l’annuale parata militare in onore del 78° Giorno della Vittoria sulla Germania nazista. Nonostante l’austera cerimonia, a causa dell’aumento del rischio di incidenti di sicurezza durante la festa più importante della Russia, Putin ha preso pontificamente il suo posto nella tribuna pubblica, dove ogni anno si è lasciato circondare da anziani combattenti e da un piccolo gruppo di alleati stranieri.

Sebbene solo il presidente del Kirghizistan abbia ufficialmente accettato l’invito, erano presenti anche i leader di Kazakistan, Tagikistan e Uzbekistan. La presenza del presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha sollevato interrogativi sul suo stato di salute. I giornalisti hanno notato che il suo braccio era bendato, sostenuto ed era stato assente dalla colazione celebrativa quella mattina. Presente, ma con qualche riluttanza a causa dei rapporti molto tesi con Mosca intorno al Karabakh, anche il primo ministro armeno Nikol Pashinian. Il suo nemico giurato, il presidente azero Ilham Aliyev, era assente.

Ma non si è parlato di rallentamento nel breve e feroce discorso di Putin nella piazza assolata. Con tono aspro ha ripetuto tutti i messaggi di rito, ormai obbligatori, ma non per questo meno minacciosi, con cui il Cremlino da più di un anno giustifica l’invasione dell’Ucraina: la Russia è sotto attacco dall’esterno, l’Occidente è colpevole di ” terrorismo” e il mondo in guerra e dannato. In un colpo solo ha denunciato “l’ideologia ripugnante e criminale della superiorità” delle “élite globaliste occidentali” che Putin ha detto avrebbero “tormentato” il mondo con un cocktail di “conflitto e odio, russofobia e nazionalismo aggressivo”. E tutto allo scopo di imporre al mondo un “sistema di furto, violenza e oppressione”.

READ  "La nostra meravigliosa vocazione". Oggi è il giorno della vita consacrata

Leggi anche: Von der Leyen: l’Ucraina difende “tutto ciò che gli europei hanno a cuore”

Atmosfera di guerra “festosa”.

Non solo ha celebrato i veterani della seconda guerra mondiale – il più anziano dei quali ora ha 99 anni – ma si è anche congratulato con tutti i russi che attualmente combattono in Ucraina, comprese le truppe regolari, i mercenari Wagner e tutti i volontari militari. “Non c’è niente di più importante ora del tuo lavoro militare. Oggi, la sicurezza del nostro paese, il futuro del nostro stato e del nostro popolo dipendono da te”, ha detto Putin. E così, proprio come l’anno scorso, ha nuovamente unito senza sforzo la Grande Guerra Patriottica, come viene chiamata la Seconda Guerra Mondiale in Russia, con l’attuale “operazione militare speciale” in Ucraina, il cui obiettivo finale è sconosciuto.

Questo fatto non del tutto banale non ha rovinato l’atmosfera del luogo. Altrove a Mosca, complice il soleggiato clima primaverile, si è respirata anche un’atmosfera di guerra ‘di festa’, con dimostrazioni militari, rievocazioni di scene di guerra e civili con il segno Z-war sui loro cappotti a sostegno delle truppe in Ucraina. Al termine del corteo e del discorso, le gole di centinaia di soldati hanno emesso un triplice applauso e Putin, apparentemente distratto, ma circondato da guardie del corpo sornione, ha passeggiato per la piazza, conversando piacevolmente con il presidente uzbeko Shavkat Mirzijojev, dopo che ha lasciato la piazza per deporre un fiore al monumento al milite ignoto.

Se la parata militare si è svolta senza incidenti visibili, martedì i festeggiamenti sono stati notevolmente austeri. Il tradizionale spettacolo aereo militare non si è concretizzato e la parata è stata più piccola rispetto agli anni precedenti. Un solo vecchio carro armato sovietico T-34 è entrato nella piazza, suscitando commenti al vetriolo sui social media secondo cui il resto dell’equipaggiamento molto obsoleto è schierato sul fronte ucraino.

READ  la caduta del "principe volante" - Corriere.it

Leggi anche Il Giorno della Vittoria, la Russia e l’Ucraina commemorano lo stesso e qualcosa di diverso

Limousine

L’austerità è stata provocata dalle preoccupazioni a seguito di diversi attacchi di droni che Mosca ha attribuito all’Ucraina, incluso uno contro il Cremlino la scorsa settimana. Inoltre, l’attacco (fallito) di sabato nella regione di Novgorod contro il famoso autore russo di best-seller e propagandista di guerra Zachar Prilepin, è stato rivendicato dal “gruppo partigiano” tataro di Crimea Artesh. In almeno venti città russe la celebrazione è stata completamente annullata. Gli incontri del Reggimento immortale, in cui i russi onorano i veterani con foto e storie, si sono svolti solo online.

Meno celebrativo anche il clima sul fronte ucraino, dove Putin sperava forse in una vittoria – per quanto piccola – per celebrare la festa. Mentre il ministro della Difesa Sergei Shoigu, in completo equipaggiamento militare e in piedi in una lucida limousine Aurus nera, ispezionava le truppe nella Piazza Rossa, il capo mercenario di Wagner, Yevgeny Prigozhin, da qualche parte sul fronte ucraino, si lamenta di nuovo in mezz’ora di video e diversi messaggi audio. la mancanza di munizioni, con cui la battaglia intorno all’aspramente contesa città di Bachmoet, contesa da mesi, deve essere risolta a favore della Russia .

Unità in fuga

Proprio la scorsa settimana, l’ufficio stampa di Prigozhin ha pubblicato un video in cui chiedeva più munizioni, circondato da soldati russi morti. Sebbene fosse stato promesso, solo il 10% sarebbe stato fornito dal Ministero della Difesa, ha detto martedì il capo mercenario in uno sproloquio condito di parolacce. Secondo lui, diverse unità russe sono fuggite negli ultimi giorni. “È una guerra e la patria va difesa. Ma invece di combattere, nel nostro paese si svolgono costantemente nuovi intrighi. Non abbiamo un Ministero della Difesa, ma un Ministero degli Intrighi, quindi il nostro esercito sta fuggendo.

READ  "Il MIVD ha riferito alla CIA il piano ucraino di far saltare un gasdotto"

Inoltre, si è lamentato dell’inaccessibilità del comandante Sergei Soerovikin, che è stato nominato l’anno scorso e presumibilmente era sempre in riunione. Anche Prigozhin non ha nascosto la sua rabbia e i suoi sospetti nei confronti di Putin. “Il nonno che pensa di stare bene. Ma cosa dovrebbe fare il Paese, cosa dovrebbero fare i nostri figli, i nostri nipoti, il futuro della Russia, e come vincere la guerra, se per caso, suppongo, questo nonno si rivelasse un completo bastardo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *