New York vibra durante il concerto di Guus Meeuwis: “Era travolgente”

New York vibra durante il concerto di Guus Meeuwis: “Era travolgente”

Guus Meeuwis ha completamente distrutto la Webster Hall di New York venerdì sera. Naturalmente, sono state ascoltate le sue famose canzoni, ma sono stati inclusi anche i classici americani. Il cantante del Brabante l’ha apprezzato moltissimo, ma anche il pubblico che lo ha accompagnato, i Brabanti di New York e gli americani l’ha trovato ‘incredibile’.

Foto del profilo di Noel van Hooft

Sono le tre ora locale quando Guus Meeuwis arriva per la prima volta a Webster Hall. Cinque ore prima dell’inizio del concerto, e i primi fan sono già in fila.

“Ho scelto questo posto perché Elvis Presley ha fatto un disco lì.”

Il cantante del Brabante arriva con moglie e figli in un grande SUV. Sulla facciata della sala da concerto è scritto a caratteri cubitali “Guus Meeuwis, Live in New York”. Visibilmente orgoglioso, Meeuwis guarda il testo mentre entra. “Sono qui”, ride Meeuwis.

Dopo Londra e Parigi, la cantante vuole graffiare New York e metterla su una maglietta. È così che ha iniziato a cercare una sala da concerto nella città americana quasi quattro anni fa. “Sono venuti qui con tre opzioni, una delle quali era Webster Hall. E ho scelto questo posto perché Elvis Presley ha fatto un disco qui.

Cinque ore prima del concerto, Guus Meeuwis ascolta il soundcheck (foto: Noël van Hooft)
Cinque ore prima del concerto, Guus Meeuwis ascolta il soundcheck (foto: Noël van Hooft)

Mentre Guus cammina lungo il corridoio, i suoi occhi si spalancano. “È davvero una cosa che è, è un pezzo così adorabile. La storia e la musica fluiscono dalle pareti. Guus sale rapidamente sul palco, poiché non vede l’ora di sentire per la prima volta come suona davvero la stanza.

“Non sono un Brabante, ma stasera canterò con il Brabante”.

Mentre Guus controlla il suono, mangia qualcosa e si riposa un momento, gli olandesi sono ansiosi di entrare. “Non vedevo l’ora, lo aspettavamo da tre anni”, afferma Peter de Vijfhuizen. È vestito come una Statua della Libertà. “Non sono un Brabante, ma stasera canterò con il Brabante”.

READ  Maarten e Philip non riconosciuti come duo: hanno ancora anni da fare The smartest person | L'aspetto più intelligente

Ma Meeuwis parte con calma. Alle otto in punto, ora americana, il cantante inizia con “Quand je t’ai vu” per poi continuare con “New York, New York”. E con questo ha subito conquistato il pubblico. Per due ore, è la festa del Brabante con a volte un tocco americano.

Guus Meeuwis nella Webster Room (foto: Noël van Hooft)
Guus Meeuwis nella Webster Room (foto: Noël van Hooft)

E a sorpresa sono volati anche Thomas Acda e Kraantje Pappie. “Volevano comunque venire a vedere. Dopotutto sono amici”, dice Guus. “Se vengono, voglio anche fare qualcosa con loro”. Ai due è stato permesso di fare due canzoni e poi godersi il concerto.

Jasper è al centro della stanza, guardandolo negli occhi mentre ‘Cheers’ echeggia attraverso Webster Hall. “Non so come faccia, ma ho appena dimenticato di essere a New York”. Accanto a lui, una donna, con le mani in aria: “È così romantico qui a New York, la città dove tutto è permesso. Fantastico”.

Kraantje Pappie, Thomas Acda e Guus Meeuwis a New York (foto: Noël van Hooft)
Kraantje Pappie, Thomas Acda e Guus Meeuwis a New York (foto: Noël van Hooft)

“Mi sembra di essere tornato nel Brabante. Hein Tibosch di Berlicum ha lasciato i Paesi Bassi per dieci anni, ora vive a Brooklyn. Secondo lui, Guus Meeuwis si adatta perfettamente a New York. “Qui gli piace la cultura e il sentimento di appartenenza a un gruppo, e gli piace appartenere. E come Brabançon, il tuo posto è da qualche parte. L’ex Brabançon si sta divertendo come mai prima d’ora. “Canta le canzoni che non sentivo da dieci anni, quindi sto pensando ‘SI’. Fantastico.”

“Sono venuto, dovevo lavorare, è stato travolgente”.

Dopo due ore di esplosione, Guus Meeuwis è senza parole. “Penso che fosse tutto a posto. È stato fantastico. Il tempo è passato così velocemente oggi, all’improvviso erano le otto e ho dovuto alzarmi”. Nonostante tutto quello che è successo, il cantante ha potuto comunque goderselo. “Sono venuto, dovevo andare al lavoro, è stato travolgente, poi ho trovato punti di riposo per godermi”.

READ  Elisabetta Gregoraci poteva essere sincera? - Grande fratello VIP

Secondo Meeuwis, durante i concerti all’estero, si ha l’impressione di dover portare quel qualcosa in più. “La gente ha fatto molti sforzi per venire qui”. E questo piccolo extra è riuscito, secondo lui. In ogni caso, coloro che si sono divertiti sono state le guardie di sicurezza a Webster Hall. Hanno assistito con stupore alla festa nel Brabante. “Ho amato la musica, amiamo le persone dall’altra parte dell’oceano. Grazie.”

Il 1° gennaio, Omroep Brabant trasmetterà un programma speciale sull’avventura straniera di Guus Meeuwis. Con altro su Webster Hall, la gente del Brabante in America e filmati del concerto.

LEGGI ANCHE:
Anche gli americani apprezzano Guus Meeuwis a New York: “Incredibile!

Concerto di Guus in una sala mitica: “Non buttare birra questa volta”

Marjolijn realizza la trilogia di Guus Meeuwis: dopo Londra e Parigi, ora New York

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *