New York vuole essere il primo Stato ad adottare il diritto all’aborto | ADESSO

New York vuole sancire il diritto all’aborto e alla contraccezione nella legge statale, riferisce di Volkskrant Sabato. Il Senato dello Stato venerdì ha approvato un progetto di legge in tal senso. La Corte Suprema degli Stati Uniti ha recentemente annullato il diritto all’aborto dello Stato.

Tramite la verdetto La Corte Suprema degli Stati Uniti ora consente a ciascuno stato di decidere autonomamente se consentire o meno l’aborto. Circa 20 stati stanno valutando un divieto di aborto. Sembra che in circa la metà degli Stati controllati dai Democratici l’aborto sia ancora possibile.

Dopo la sentenza della Corte Suprema, una dozzina di Stati progressisti – oltre a New York, tra cui Vermont, Maryland, California e Washington – hanno già indicato di voler tutelare il diritto all’aborto.


New York è il primo stato ad agire sul serio. Con l’emendamento sulla parità dei diritti, lo stato politicamente progressista vuole proteggere legalmente i diritti. Il testo legale va oltre, riferisce Il New York Times† Ciò vieta al governo di discriminare su molte caratteristiche, inclusa la gravidanza.

Il Senato ha approvato l’emendamento. La Camera dei rappresentanti statale deve ancora approvare il testo. Dopo di che, la popolazione può votare la legge in un referendum. La legge potrebbe entrare in vigore dal 2024 se approvata.

Biden ha parlato di un “tragico errore”

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha definito la rimozione dei diritti all’aborto della nazione un “tragico errore”. Ha affermato che “la salute e la vita delle donne sono a rischio” perché gli stati ora possono decidere da soli se l’aborto è consentito e quali regole vi sono associate.

READ  Coronavirus nel mondo: Putin si prepara a inviare il primo lotto di vaccini in Bielorussia

Il presidente ha detto che le donne che vivono negli stati in cui l’aborto sarà presto vietato possono viaggiare in altri stati dove l’aborto è legale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.