Niente coprifuoco e restrizioni per i vaccinati: la svolta della Germania

Il Germania per giorni ha iniziato a spingere sull’acceleratore davanti Vaccini contro il covid, rompendo il muro di un milione di dosi al giorno dopo aver iniziato con il freno a mano tirato.

Il governo ora secondo un’indiscrezione del Foto Sarebbe pronto a fare un altro passo avanti, grazie a un accordo che Angela Merkel avrebbe trovato nella sua maggioranza raccogliendo in una banca importante anche i Verdi, il primo partito di opposizione.

Dal prossimo fine settimana, la Germania potrebbe farlo annullare molte delle restrizioni attualmente in vigore su chi ha ricevuto le due dosi programmate per il vaccino Covid, ad eccezione di quelli che hanno prodotto Johnson & Johnson che non hanno bisogno di un richiamo.

Germania: nessun coprifuoco e restrizioni per i vaccinati

Per chi ha completato il ciclo vaccinale in Germania potrebbero esserci presto grandi novità, visto che secondo i piani del governo potrebbero non è più necessario rispettare il coprifuoco che al momento, come noi, inizia alle 22:00 e dura fino alle 5:00.

Non solo non più coprifuoco, ma anche addio alle restrizioni sociali, l’obbligo di quarantena e l’obbligo di strofinare per accedere a determinate attività e servizi come musei o parchi di divertimento.

Anche coloro che sono considerati non dovranno attenersi a queste restrizioni recuperato da Covid, ovvero almeno 28 giorni e al massimo 6 mesi, mentre permangono l’obbligo di mascheramento e l’allontanamento sociale.

Bersaglio – ha spiegato il ministro della Salute tedesco Jens Spahn confermando l’indiscrezione – è di mettere in vigore la nuova disposizione alla fine di questa settimana o al più tardi la prossima settimana“.

READ  "E 'morto il leader di Al Qaeda Ayman al-Zawahiri": il leader terrorista ucciso dall'asma. Tre mesi fa, il Mossad ha eliminato il suo vice

Si tratta di una svolta in Germania che, in un certo senso, potrebbe far sperare anche per quanto riguarda ilItalia, visto che fino ad ora, quando si parla di vaccini, abbiamo spesso “copiato” le decisioni prese da Berlino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *