Nigeria, attacco jihadista con base alle Nazioni Unite nel nord-est del Paese

Secondo quanto emerso, i jihadisti stanno ancora cercando di “entrare in un bunker dove si sono rifugiati 25 operatori umanitari”. “La base umanitaria è stata incendiata dai combattenti, ma finora nessuno staff è stato colpito”, ha detto una fonte.

Per respingere i jihadisti, rinforzi militari furono inviati a Dikwa dalla città di Marte, a 40 chilometri di distanza. “Due combattenti e una cannoniera forniscono supporto aereo per respingere i jihadisti ed espellerli dalla base umanitaria”, hanno detto fonti anonime.

Attacco alla città L’ISWAP, affiliato all’ISIS, si è separato da Boko Haram nel 2016 e da allora è diventata la più grande minaccia jihadista in Nigeria. I combattenti dell’ISWAP su camion equipaggiati con mitragliatrici hanno attaccato Dikwa venerdì, provocando la fuga dei residenti. La città, a 90 chilometri dalla capitale dello stato di Borno Maiduguri, ospita oltre 130.000 persone, di cui 75.000 che sono già fuggite da altre parti della regione e vivono in campi dove dipendono dagli aiuti di emergenza delle agenzie umanitarie.

Quello precedente Tre anni fa, il 1 ° marzo 2018, i terroristi dell’ISWAP in un’azione simile hanno attaccato un centro umanitario delle Nazioni Unite nella città di Rann, uccidendo tre operatori umanitari e rapendo una lavoratrice.

READ  Il presidente smantella l'America di Trump

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *