Non avevo ancora fretta, ma sarebbe stato troppo anche per il Dalai Lama

Non avevo ancora fretta, ma sarebbe stato troppo anche per il Dalai Lama

Julien Althuisius

Per farla breve: avevo comprato qualcosa, si è rivelato essere la cosa sbagliata e ora doveva essere restituito. Mi sono seduto in macchina, ho ascoltato la musica e ho guidato con calma verso la mia destinazione. Avevo fretta? Sicuramente no. Quando mi avvicinavo a un semaforo, potevo scegliere tra due corsie, con la corsia di sinistra che girava a destra poco dopo il semaforo, lasciando solo una corsia. Anche se sulla corsia di destra c’erano già alcune macchine in attesa del semaforo rosso e io ero stato più veloce sulla sinistra, raggiunsi una Skoda grigia sulla corsia di destra. Avevo così poca fretta.

Il semaforo è diventato verde e le macchine davanti a me hanno iniziato a girare. La Skoda grigia si mosse con riluttanza. ZoefSono stato superato da un’auto alla mia sinistra. La Skoda grigia si trascinava. Zoef, un’altra macchina mi ha superato. E un altro. E poi altri due. La Skoda grigia avanzò, come se non stesse guidando su una trafficata strada di collegamento, ma cercando di evitare le buche su una pista sterrata dell’Ardèche, nella fitta nebbia, con quattro pneumatici a terra.

Circa l’autore
Julien Althuisius è uno scrittore e professionista di Volkskrant cronista della vita quotidiana.

Questo è lodevole solo se le persone guidano un po ‘rilassate nel traffico, ma puoi anche esagerare. Prendilo da qualcuno che non aveva alcuna fretta, ma ora stava cominciando a chiedersi cosa stesse succedendo lì. “Cosa sta succedendo qui amico?” dissi ad alta voce, poi feci il gesto internazionale cosa sta succedendo qui adesso?. Mi è sembrato di distinguere due personaggi, un uomo e una donna. Forse erano impegnati a parlare tra loro e non si erano accorti che c’era qualcun altro dietro di loro. Ci siamo avvicinati a un altro semaforo e ho deciso di dare un’altra possibilità alla Skoda grigia. Purtroppo.

READ  Putin userà tutto ciò che gli è rimasto

Non avevo ancora fretta, ma sarebbe stato troppo anche per il Dalai Lama. Con un breve allargamento della strada, ho visto la mia occasione. Ho controllato i miei specchietti, ho accelerato, ho virato a sinistra, ho superato la Skoda grigia e mi sono fuso in un unico movimento fluido.

Ho visto l’autista nello specchietto retrovisore. Era un uomo della mia età, con i capelli ricci di media lunghezza. Era felice che l’avessi raggiunto. In primo luogo ha fatto il gesto internazionale per ammirazione cosa sta succedendo qui adesso?. Poi mi ha dato non uno, ma due pollici in su, chinandosi e scuotendo le braccia con entusiasmo un paio di volte. Non potevo sentirlo, ovviamente, ma era chiaro che era estremamente soddisfatto della mia manovra di sorpasso. Beh, devo dire che è stata davvero un’opera d’arte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *