non è invitato e finisce in tragedia

Un uomo, Teodoro Macias, 28 anni, ha commesso un massacro in Colorado per ragioni apparentemente banali che hanno causato molti morti.

Massacro: polizia degli Stati Uniti (AdobeStock)

Ormai conosciamo bene l’America e l’uso delle armi. troppo spesso leggiamo di omicidi e attacchi e nessuno fa la domanda. Ieri abbiamo raccontato cosa è successo Kazan. Oggi è stata la volta di una piccola famiglia che ha subito l’ira della persona amata, il 28enne. Teodoro Macias.

Queste cose sono sempre più frequenti lì. C’è sicuramente una forte variabile psicologica dettata dal momento attuale ma quello che è certo è che sembra sempre di più facile uccidere diverse persone.

Non è invitato a una festa: commette un omicidio

Lo schema di innesco che ha causato ira di Teodoro Macias era un non invito a una festa. Vedendosi escluso dal ricongiungimento familiare, ha deciso di fare ciò che nessuno si aspettava.

Ha preso la pistola e prima ha ferito a morte la sua ragazza Sandra Ibarra-Perez e successivamente ha rilasciato il suo 5 genitori che erano lì con la ragazza e poi lo hanno finito con un colpo alla testa. Polizia Colorado Springsarrivata lì poco dopo, è rimasta incredula sia per il gesto barbaro ma anche per un motivo che lascia a bocca aperta.

LEGGI ANCHE >>> Attacco in una scuola: un aggressore non è maggiorenne

Ma le ragioni non finiscono qui. Capo della polizia di Colorado Springs, Vince Corto, durante una conferenza stampa, ha spiegato come questo gesto avesse motivazioni più profonde. Sembra che l’uomo sia anche un recidivo Violenza domestica. Una strage che fortunatamente si è conclusa a metà visto che in casa avrebbero dovuto esserci tre adolescenti che, secondo fonti locali, erano partiti poco prima della strage per poi tornare e si sono trovati al cospetto di un vero e proprio teatro degli orrori.

READ  "Dal bollettino di guerra di Londra, non perdiamo tempo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *