“Non incontrare nessuno, allora salveremo il Natale”

Maglia nera in tutto il mondo per la velocità di distribuzione del coronavirus, l ‘Austria getta la spugna e – primo in Europa – infrange il tabù di dichiarare a confinamento totale come quello già imposto ai cittadini in primavera. “Nessuno di noi lo vuole, ma è l’unico modo che funziona”, ha salutato il cancelliere Sebastian Kurz dopo due settimane di chiusura “soft”, essenzialmente un coprifuoco notturno.

Covid Worldwide Live, Canada: picco di infezioni durante le festività del Ringraziamento: Trudeau: “Stay Home”, Austria chiusa fuori

Da martedì prossimo, invece, il divieto di uscire coprirà le 24 ore. Mentre asili, scuole e aziende rimarranno chiusi per quasi tre settimane, fino al 6 dicembre. “Un freno di emergenza” – come lo definirono a Vienna – per ridurre la crescita record dei contagi, con una curva esponenziale registrata in alcune parti del Paese. Nuove restrizioni sono entrate in vigore anche in altri stati europei e oltre, poiché il bilancio mondiale delle vittime ha superato 1,3 milioni.

Anche in Grecia, dove il sistema sanitario nazionale è ormai quasi saturo, è crollato l’argine finora eretto a difesa delle scuole: il governo ha annunciato la chiusura di scuole primarie, asili e asili nido, mentre le scuole secondarie avevano già iniziato a insegnare. distanza. A partire da lunedì, tutte le lezioni a tutti i livelli e livelli saranno solo online, mentre venerdì è entrato in vigore un coprifuoco notturno a livello nazionale. “La chiusura delle scuole primarie era l’ultima cosa che volevamo fare. Questa è una misura della gravità della situazione ”, ha detto il ministro della Sanità di Atene Vassilis Kikilias. La pressione contro il virus è sorta anche in Ucraina, dove tutte le attività non essenziali sono state chiuse per il fine settimana.

READ  அமெரிக்காவுக்கு எச்சரிக்கை: தென்சீனக் கடலில் ஏவுகணை செலுத்தி சீண்டும் சீனா | China fires missiles into South China Sea

Al di fuori del Vecchio Continente, il Libano è entrato in un nuovo blocco due settimane dopo che i contagi avevano superato i 100.000, con ospedali quasi pieni. A differenza della prima ondata, tuttavia, le categorie economiche e sociali più direttamente interessate dalle misure governative rimangono molto meno propense ad accettarle. In Francia, ristoranti e bar intendono ricorrere in tribunale contro la decisione del governo di chiudere i propri locali confinamento, come annunciato da Umih, il principale sindacato della categoria.

Nei giorni scorsi il premier Jean Castex aveva annunciato che dal 1 dicembre, con la fine della serrata, potranno riaprire solo i negozi ritenuti “non indispensabili”, ma non bar e ristoranti. E continuano le proteste di una parte del mondo cattolico anche al di là delle Alpi contro la prescrizione che, in tempi di serrata, vieta i raduni e, quindi, anche le messe. Dall’altra parte della Manica, il Regno Unito – che ha registrato 462 decessi tra i soggetti Covid-positivi e 26.860 nuovi casi l’ultimo giorno – spera ancora di salvare il Natale. Le prossime due settimane, ha avvertito uno dei consiglieri sanitari del governo britannico, la professoressa Susan Michi, saranno “assolutamente cruciali” per decidere se confermare la fine del blocco in Inghilterra, previsto per il 2 dicembre.

Ultimo aggiornamento: 19:35


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *