Gazzetta – Pirlo messo alla prova

Come riporta la Gazzetta, la Juventus giocherà 10 partite prima di Natale, con trasferte sostanziose. Eliminando i giorni in cui giochi, le veglie – in cui un allenatore può prepararsi solo per la partita imminente – e il classico post-partita dove sbarcano i padroni di casa, mancano solo quattro giorni: il 26 e il 30. Novembre, soprattutto il 10 e l’11 dicembre, 48 ore di teorica tranquillità tra la trasferta di Barcellona e quella di Genoa-Juve. A casa Pirlo mancano quattro giorni al Natale. 10 partite in 32 giorni Il palinsesto condizionato da Covid lo richiede. La Juve giocherà 10 partite in 32 giorni, dal 21 novembre al 22 dicembre. In fondo chi gioca in Europa ha lo stesso programma: campionato e coppa, turni infrasettimanali, comunque, partite weekend e infrasettimanali, no stop. Non è normale. Novembre e dicembre sono stati duri anche per Allegri e Sarri, ma il calendario in passato ha dato il minimo respiro: c’è sempre stata una settimana senza partite. Senza contare che queste quattro date libere per l’allenamento di Pirlo potrebbero trasformarsi in giorni di riposo per tutta la rosa, come spesso è successo con Sarri dopo il lockdown. La decisione estiva di scommettere su Pirlo sarà ora messa alla prova, molto più che a settembre.

if (ok == 1) bannerok[zona].push(banner[zona][i]); }

bannerok[zona].sort(function() {return 0.5 - Math.random()}); } banner = bannerok; var banner_url="https://net-storage.tccstatic.com"; var banner_path="/storage/tuttojuve.com/banner/" function asyncLoad() { if (azione == 'read' && TCCCookieConsent) { var scripts = [ "https://connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1", ]; (function(array) { for (var i = 0, len = array.length; i < len; i++) { var elem = document.createElement('script'); elem.type="text/javascript"; elem.async = true; elem.src = array[i]; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(elem, s); } })(scripts); } setTCCCookieConsent(); } if (window.addEventListener) window.addEventListener("load", asyncLoad, false); else if (window.attachEvent) window.attachEvent("onload", asyncLoad); else window.onload = asyncLoad; function resizeStickyContainers() { var stickyFill = document.getElementsByClassName('sticky-fill'); for (i = 0; i < stickyFill.length; ++i) stickyFill[i].style.height = null; for (i = 0; i < stickyFill.length; ++i) { var height = stickyFill[i].parentElement.offsetHeight-stickyFill[i].offsetTop; height = Math.max(height, stickyFill[i].offsetHeight); stickyFill[i].style.height = height+'px'; } } document.addEventListener('DOMContentLoaded', resizeStickyContainers, false); // layout_headjs function utf8_decode(e){for(var n="",r=0;r

READ  ora il 3-0 al tavolo del Torino è il minimo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *