“Non ne sapevamo niente”

“Non ne sapevamo niente”

La manifestazione Extinction Rebellion sulla A12.  Immagine Tobias Kleuver Media/ANP

La manifestazione Extinction Rebellion sulla A12.Immagine Tobias Kleuver Media/ANP

L’organizzatore di XR e l’osservatore di Amnesty International non si sono accorti di nulla. Gli stessi manifestanti hanno utilizzato anche altre manifestazioni in Europa come sfondo per la loro protesta, presentandosi ogni volta con gli stessi cartelli filo-russi.

Secondo quanto riferito, negli ultimi mesi la Russia ha organizzato diverse false proteste in Europa contro la guerra in Ucraina. I manifestanti si sono uniti a un’intensa manifestazione con un tema diverso, poi hanno ripreso in video come stanno davanti a migliaia di persone con cartelli filo-russi.

Le false proteste avevano lo scopo di seminare divisione in Europa sulla guerra in Ucraina, secondo una ricerca dell’emittente pubblica danese e altri. DR e i francesi Il mondo, che hanno visto documenti trapelati dall’intelligence russa. A questi servizi sono associati almeno dieci eventi organizzati in Europa negli ultimi mesi, compreso quello de L’Aia di fine gennaio.

‘Non visto’

“Siamo molto sorpresi da questa notizia”, ​​ha detto un portavoce di Extinction Rebellion. “Non ne sapevamo nulla e non abbiamo visto queste persone. Nemmeno loro appartengono a noi”. Anche l’osservatore di Amnesty International, che ha supervisionato il regolare svolgimento della protesta, non si è accorto dei manifestanti. “Ovviamente è stata una giornata molto intensa con migliaia di persone. non vederli.

Oltre a L’Aia, i finti manifestanti sono stati fotografati anche a Bruxelles, Parigi e Madrid. A Bruxelles è stata una protesta degli operatori sanitari ea Parigi è stata una protesta contro la riforma delle pensioni. Le foto di questo dovrebbero dare l’impressione che le proteste contro gli aiuti agli armamenti ucraini siano state seguite in massa.

Extinction Rebellion ha visto persone che camminavano sopra e nel tunnel A12 a fine gennaio a guardare la protesta. “C’erano migliaia di persone, quindi non si nota facilmente quando le persone sono in disparte con quel tipo di segnali. Non è bello, no. Ma non credo che possiamo farci niente. »

Anche Amnesty International dubita che i falsi manifestanti possano essere arrestati. “Le persone dovrebbero essere in grado di esprimere la loro opinione. Nelle foto sembra anche che siano in un posto più tranquillo, potrebbe anche essere stato prima o dopo che eravamo lì.

Segni con errori di ortografia

Le informazioni sulle azioni false sono state diffuse sui social media attraverso i profili di due uomini di St. DR riuscito ad identificare. Gli stessi uomini hanno diffuso disinformazione su una serie di grandi proteste contro gli aiuti agli armamenti all’Ucraina in Francia, Belgio, Paesi Bassi e Spagna. “Un’anteprima dei messaggi degli uomini mostra che le persone nelle foto hanno cartelli con messaggi identici, scritti esattamente nello stesso modo e con gli stessi errori di ortografia”.

Secondo il rapporto di intelligence trapelato Il mondo dire che le foto sono un “enorme successo”, ma i post che il giornale ha visto sui social media hanno ricevuto pochi o nessun mi piace. Le due DR se Il mondo ha contattato alcuni degli uomini che hanno preso parte alle finte proteste, ma si sono rifiutati di commentare.

Extinction Rebellion prevede di manifestare nuovamente sulla A12 sabato 27 maggio. Il gruppo d’azione sta prestando maggiore attenzione a possibili “dirottatori” filo-russi? “Non fanno parte del blocco. Le persone possono stare ovunque. È essenzialmente uno spazio pubblico. Ma è chiaro che non siamo contenti di questo.

In qualità di osservatore, Amnesty International “non vuole anticipare il gioco”. “L’intenzione è che saremo di nuovo lì il 27 maggio”, dice un portavoce. “E poi prestiamo attenzione al diritto di manifestare. Pensiamo che sia importante, perché è per questo che siamo qui.

I manifestanti si sono recati in diverse città europee.  In basso a sinistra durante la manifestazione sulla A12 a L'Aia.  Immagine RD

I manifestanti si sono recati in diverse città europee. In basso a sinistra durante la manifestazione sulla A12 a L’Aia.Immagine RD

READ  Un insegnante di tedesco sceglie un percorso a piedi su Internet e mette in grande difficoltà un gruppo di studenti | instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *