Nuovo Dpcm Draghi: seconde case e ristoranti, tutte le novità – Colonna

Roma, 25 febbraio 2021 – Mancano pochissimi giorni nuovo anti Covid Dpcm che il primo ministro Mario draghi adotterà invece di Dpcm 16 gennaio che scadrà il 5 marzo. Ed è già chiaro – dopo l’audizione di ieri in Parlamento dal Ministro della Salute Roberto Speranza che non ci sarà allentamento delle misure restrittive poiché la curva di contagio resta alta (ecco il rapporto aggiornato di Gimbe con casi di boom in 41 province) e le varianti – soprattutto inglesi – si diffusero in tutto il Paese con la loro massima contagiosità. Restano in vigore le nuove scadenze brevi che Dpcm 8i raccomanda per questa volta l’utilizzo di questo strumento e non di un decreto legge fino al 6 aprile sostituire calde giornate di Pasqua. Quali novità ci aspettano? Per prima cosa, chiariamo la questione seconda scatola che attualmente sta vivendo grandi incertezze nella sua applicazione.

La Campania teme la zona rossa

Parallelamente, il confronto tra il Governo (rappresentato dai ministri Gelmini e Speranza) e gli enti locali (Regioni, Province e Comuni) in vista dell’adozione del nuovo Dpcm la cui bozza sarà pronta domani (qui tutti gli aggiornamenti in tempo reale).

Trasloco / seconde case

Punto di parteza è il recente decreto con cui il governo Draghi (qui il testo in Pdf) prorogato fino al 27 marzo divieto di viaggio tra le regioni anche il giallo salvo le solite eccezioni: motivi professionali, di salute o di necessità (con necessità di autocertificazione). Il dottor Draghi ha ribadito che è ancora consentito tornare a casa, a casa o a casa. Nulla è espressamente detto per l’esenzione prevista per le seconde case. Quindi, è evidente che in generale rc’è la possibilità – come espressamente previsto da una Faq governativa (ancora attiva nel sito) – per accedere al seconda casa anche se è fuori regione in a regione gialla, arancione o rossa per ordine del governo nazionale. Ovviamente rispettando le condizioni previste (li specifichiamo qui).

READ  una possibile data per la presentazione di settembre con premi, release e giochi - Multiplayer.it

RT inizia dopo 1

Zone arancioni o rosse regionali

Aree arancione scuro e rosse: la mappa

Tuttavia, dobbiamo fare un’osservazione importante: il ordinanze dei governatori o sindaci regionali più restrittivi su base locale. In alcuni territori, infatti, è stata creata una zona arancio scuro (o rinforzata) che prevede maggiori restrizioni in materia di viaggi, vietando di fatto i viaggi fuori regione o fuori dal comune anche per la seconda casa. Ciò è tanto più vero per i cosiddetti micro zone rosse con cui alcune città sono bloccate, ad esempio, e il viaggio è severamente vietato. Quindi, per sapere se in quali casi possiamo recarci in seconde case, dovremo controllare attentamente se i nostri indirizzi di partenza e di arrivo rientrano in un’area soggetta a un ordine più restrittivo rispetto alla nazionale.

Questo si basa sulla legislazione vigente. Successivamente, bisognerà vedere se la questione delle seconde case sarà espressamente disciplinata dal nuovo Dpcm che potrebbe in ipotesi eliminare completamente l’esonero dalla possibilità di recarsi in seconde case fuori regione anche prima del 27 marzo.

Bar e ristoranti

Cosa succederà dal 6 marzo? Riapriranno nella zona arancione? E nelle zone gialle possiamo andare a cena? Nonostante le crescenti pressioni sul governo, sembra molto difficile: gli scienziati sono stati chiari e Speranza in parlamento ha chiarito che non ci sono le condizioni per allentare le misure.

Palestre e piscine

Lo stesso vale per palestre e piscine. Quasi certamente rimarranno chiusi. La possibilità di lezioni individuali è discussa per le palestre. Ma la linea di rigore deve prevalere.

Cinema e teatri

Stiamo discutendo della possibile riapertura (solo in zona gvialla ovviamente) di cinema e teatri con protocolli ancora più severi. Ma il ministro Gelmini ha già annunciato che sono in corso i lavori per una riapertura “passato marzo”.

READ  "Ragazza prodotta con compagno": la rabbia di FdI per l'attacco a Meloni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *