Panshir, i talebani attaccano l’ultimo avamposto della resistenza

“Non è ancora il momento in cui qualcuno può dire di avere strategie chiare per l’Afghanistan, è il momento di studiare il futuro”: ecco come lui prima Draghi durante la conferenza stampa odierna, durante la quale ha ringraziato l’esercito italiano per l’evacuazione effettuata. “La cosa più importante ora è pensare agli afgani e alle donne afgane che stanno cercando di aiutarli sul fronte umanitario. Possiamo farlo subito, con risultati immediati. Come si dice “non vogliamo rifugiati afgani” davanti a queste immagini di Kabul? “. Poi un accenno al vertice bilaterale con il presidente francese Macron: “Parleremo principalmente dell’Afghanistan”, ha detto Draghi, “ma anche dell’Europa, dei rapporti bilaterali, della Libia, sarà davvero un discorso pieno e tutto azimut”. “Credo ancora che il G20 avrà luogo”, ha concluso il premier.

Oggi in Afghanistan anche l’ultima sacca di resistenza, quella della valle del Panshir, potrebbe cadere sotto gli attacchi dei talebani. Falliti i colloqui tra il leader ribelle e il regime fondamentalista, iniziano i combattimenti. Lo ha annunciato sui suoi social Muhammad Jalal, un dirigente talebano, secondo il quale decine di posizioni sono già nelle mani del governo.

Secondo quanto riportato dal giornalista di Al Jazeera Rob McBride, i talebani hanno interrotto i negoziati perché le “richieste irrazionali” della resistenza non potevano essere soddisfatte. Tra queste ci sarebbe la richiesta di mantenere le armi e ottenere il 30% di rappresentanza nel nuovo governo.

READ  c'è un posto dove siamo protetti dal maligno

Le forze armate del Panshir, guidate da Ahmad Massoud, sono state rafforzate ad agosto dalla milizia di Massoud, composta da ex soldati dell’esercito afghano e da membri delle forze speciali.

Risposte dall’estero

Nel frattempo, ci sono solo segnali che il mondo si stia avvicinando alla resistenza e ai profughi afgani.

Il stati Uniti, insieme al Qatar, stanno lavorando con i talebani per riaprire l’aeroporto di Kabul, dicendo: “In guerra devi fare quello che devi fare per ridurre il rischio, non necessariamente quello che vuoi fare”. Il capo di stato maggiore dell’esercito americano, il generale Mark Milley, ha anche sollevato la possibilità che in futuro gli Stati Uniti cercheranno di coordinarsi con i talebani in Afghanistan per condurre operazioni antiterrorismo contro Isis.K e altre frange terroristiche.

Attraverso il portavoce e consigliere del presidente Recep Tayyip Erdogan, il tacchino si dichiara incapace di gestire un nuovo massiccio flusso migratorio dall’Afghanistan, dopo aver accolto oltre 3,5 milioni di profughi della guerra in Siria. In un’intervista ad Ankara con il sottosegretario generale delle Nazioni Unite per gli affari umanitari Martin Griffiths, Kalin ha sottolineato l’importanza che la comunità internazionale si assuma la responsabilità di una transizione pacifica del governo afghano.

Poche ore fa, anche il Pakistan ha annunciato la chiusura temporanea del valico di Chaman, uno dei principali valichi di frontiera con l’Afghanistan, per bloccare l’afflusso di profughi nel Paese. Migliaia di persone lo hanno attraversato il mese scorso, altre migliaia sono ora confinate dall’altra parte. Poche ore dopo l’annuncio, tra la folla è morta una persona, Safi Ullah, un afghano di 64 anni. “Io e mio padre stavamo cercando di attraversare il confine con il resto della nostra famiglia. Ho perso mio padre tra la folla e poi l’abbiamo trovato morto”, ha detto suo figlio alla CNN.

READ  La poliziotta che ha ucciso Daunte Wright è stata accusata di omicidio di secondo grado

La chiusura, annunciata dal ministro dell’Interno Sheikh Rashid Ahmed, non ha ancora un calendario preciso. Il passaggio di Chaman era di importanza strategica per la fuga degli afghani dalla conquista del paese, essendo un collegamento diretto tra la provincia pakistana del sud-ovest del Belucistan e Spin Boldak, città della provincia afgana di Kandahar, roccaforte del Talebani e la loro capitale spirituale.

Le stesse affermazioni provengono da Tagikistan, che a luglio aveva promesso di accogliere 100.000 profughi e ora si dichiara incapace di farlo senza un aiuto esterno. “Durante questo periodo, le organizzazioni internazionali non hanno fornito alcuna assistenza pratica per creare strutture di accoglienza per rifugiati e richiedenti asilo”, ha affermato il ministro. Già 5.000 soldati che erano fuggiti dall’avanzata dei talebani sono stati riportati dal Tdjikistan in “Afghanistan e circa 80 famiglie afgane sono bloccate al confine”.

Nemmeno il Russia intende intervenire nei negoziati tra talebani e resistenza afghana, e afferma che nella creazione di un governo di transizione inclusivo “un ruolo particolare spetta ai nostri alleati in Tagikistan, visto che nella valle del Panshir i tagiki afgani stanno negoziando con la rappresentanza centrale dei talebani”. Serghei Lavrov, capo della diplomazia russa, ha poi aggiunto: “Mi auguro che questi negoziati si concludano con una soluzione negoziata e non vengano interrotti, così come non vengano interrotte le minacce di uso della forza attuato”.

Preparativi per il nuovo governo

Intanto i talebani stanno tenendo la cerimonia per annunciare la composizione del nuovo governo afghano, che si svolgerà nel palazzo presidenziale di Kabul. Ad annunciarlo su Twitter è Ahmadullah Muttaki, membro della dirigenza talebana, che ha precisato che “lì sarà annunciata la composizione del nuovo governo”. Il giorno prima, l’emittente televisiva afgana Tolo TV ha riferito che il leader spirituale dei talebani, Khaybatullah Akhundzada, dovrebbe assumere il ruolo di una sorta di leader supremo del nuovo Afghanistan. Sotto la sua guida, il paese sarà governato da un presidente o un primo ministro.

READ  Stati Uniti, Ohio: agente di polizia spara e uccide un afroamericano di 16 anni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *