Incontro tra Putin e Xi: cosa c’è in gioco?

Incontro tra Putin e Xi: cosa c’è in gioco?

L’invasione russa dell’Ucraina non sta andando come aveva sperato Putin. Le sue truppe vengono respinte in alcune parti dell’Ucraina. E così cerca sostegno, sia ideologico che materiale. La domanda è se riceverà questo supporto dalla Cina.

La corrispondente russa Eva Hartog si aspetta che Putin sia più una trovata pubblicitaria. “Vuole dimostrare: siamo amici di uno dei paesi più potenti della terra. Quindi i media statali russi lo sottolineeranno: l’Occidente non può isolarci. Formiamo un fronte simbolico con la Cina”.

Ciò che rafforzerà Putin è il messaggio che è arrivato questa settimana dal presidente del Congresso nazionale del popolo cinese Li Zhanshu. Stava visitando la città russa di Vladivostok e ha detto di aver compreso l’atteggiamento della Russia nei confronti dell’Ucraina.

L’ultima volta che Xi e Putin si sono incontrati è stato all’apertura delle Olimpiadi di Pechino nel febbraio di quest’anno. Hartog: “All’epoca si parlava ancora di amicizia senza confini. Putin ha anche negato di voler invadere l’Ucraina. Quanto è diverso il mondo ora per la Russia”.

Secondo Hartog, Putin sta lottando su più fronti. Per questo ha più bisogno di Xi che del contrario: “I rapporti economici tra i due Paesi sono diseguali. È una relazione in cui la Russia è in una posizione di dipendenza. Soprattutto ora che molti paesi occidentali stanno imponendo sanzioni.

L’incontro si svolgerà in Uzbekistan, dove si incontreranno i membri della Shanghai Cooperation Organization (SCO). Sarà presente anche il presidente indiano Narendra Modi. Non è ancora chiaro se siano previsti incontri diretti tra Modi e Putin o Xi.

READ  L'ex presidente Trump in tribunale • Ministri della Difesa ad Amsterdam

Xi attende notizie positive

Per Xi l’incontro arriva in un momento delicato: si sta preparando per il 20° Congresso del popolo che inizierà il 16 ottobre a Pechino. Lì, dovrebbe ottenere un terzo mandato come leader. Il corrispondente cinese Roland Smid: “Xi desidera anche notizie positive tra questioni economiche e corona, quindi un successo diplomatico è benvenuto per lui. Ad esempio, un ulteriore rafforzamento delle relazioni commerciali con la Russia”.

In tal modo, cammina sul ghiaccio sottile, poiché la Cina non vuole interrompere le sue relazioni economiche con gli Stati Uniti e l’Europa allo stesso tempo. Smid: “Xi non può permettersi di sostenere Putin incondizionatamente. Come la maggior parte dei paesi, la Cina pensa principalmente ai propri interessi. E queste sono, ad esempio, materie prime dalla Russia, ma anche mercati in Europa per prodotti cinesi.

partner importante

Eppure Putin è un partner importante per la Cina. Ad esempio, perché il presidente russo esprime più volte il suo sostegno alla Cina su questioni delicate come quelle che circondano Taiwan. Putin sostiene ripetutamente anche Xi sui diritti umani.

È la prima volta che Xi lascia la Cina dall’inizio della pandemia. La Cina ha ancora una politica corona molto severa. Smid: “Molti desiderano un allentamento di questa politica in Cina. Forse un viaggio all’estero di Xi è un segno che si può finalmente fare qualcosa di più. Ma non è ancora molto più che speranza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *