Perché i paesi latinoamericani voltano le spalle a Taiwan?

Perché i paesi latinoamericani voltano le spalle a Taiwan?

Perché i paesi latinoamericani voltano le spalle a Taiwan?
La bandiera dell’Honduras e di Taiwan in China Square a Tegucigalpa, la capitale dell’Honduras

Questa settimana l’Honduras ha deciso di interrompere tutte le relazioni diplomatiche con Taiwan e di stabilire nuove relazioni con la Cina. E poi c’erano solo tredici paesi che riconoscevano Taiwan come nazione indipendente separata dalla Cina. Erano 110. Perché il sostegno a Taiwan sta lentamente crollando?

Taiwan si è definita una repubblica indipendente dopo la guerra civile cinese nel 1949, ma la Cina considera Taiwan una provincia ribelle. Nel corso del tempo, molti paesi si sono spostati da Taiwan alla Cina. Nessun paese al mondo ha relazioni diplomatiche sia con la Cina che con Taiwan; quei due non vanno insieme, quindi è una scelta.

punire taiwan

Negli ultimi anni questa scelta è stata fatta principalmente dai Paesi dell’America Centrale e Latina. Taiwan ha perso il sostegno diplomatico di Costa Rica, Panama, Repubblica Dominicana, Nicaragua e infine Honduras. “In realtà Taiwan ha due grandi partiti: nazionalisti e democratici. Al momento, i democratici che non sono pro-Pechino sono al potere”, afferma l’esperto di Taiwan Xiaoxue Martin del Clingendael Institute.

“Pechino preferirebbe di gran lunga avere i nazionalisti al potere a Taiwan. Come punizione, sono andati molto oltre i partner diplomatici del Paese”.

Scelta economica

Il denominatore comune tra i pochi paesi che riconoscono Taiwan è la dimensione. “Sono tutti molto piccoli. Non significano molto neanche dal punto di vista diplomatico. Sono per lo più paesi con piccole economie che non sono ancora sviluppate”, dice Martin. Questi paesi ricevono aiuti allo sviluppo da Taiwan, ad esempio per migliorare l’istruzione o la sanità.

La Cina ha saputo mostrare il suo lato migliore in America centrale e latina negli ultimi anni. “Durante il covid, hanno ricevuto un’enorme pubblicità poiché hanno rapidamente iniziato a organizzare vaccini e mascherine per i paesi del Sud America che non sapevano dove trovarli”, afferma Baud.

Secondo Baud, questo ha innescato l’effetto domino. “È un processo irreversibile. Tutti questi paesi passeranno attraverso la pompa, prima o poi. Gli viene dato un grande carico politico, ma che si tratti di governi di destra o di sinistra: scelgono solo il più grande investitore. E questo è Cina.”

“La perdita di ogni partner è un duro colpo per Taiwan, perché hanno bisogno che quei partner facciano pressioni per loro nelle organizzazioni internazionali e affermino che Taiwan è un paese”, ha detto Martin. “Perché se nessuno lo riconosce più, cos’è Taiwan?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *