Perché la Turchia ha paura dei curdi?

Perché la Turchia ha paura dei curdi?

Le elezioni in Türkiye si stanno avvicinando. Puoi già sentire l’odore dei panini dolci da qui. Per chi sono cucinati è sempre una sorpresa. La grande domanda: i turchi sono pronti per un nuovo leader o opteranno ancora per l’indistruttibile Erdogan?

Non solo è il presidente della Turchia, ma è ampiamente acclamato nel mondo islamico come leader. Il leader islamico che difende i diritti dei palestinesi. Chi investe in Africa. Che hanno ridato voce agli islamisti turchi quando da tempo non conoscevano la libertà della loro identità islamica. Il suo più grande orgoglio è che sotto il suo regno il Museo Aya Sofia di Istanbul è diventato una moschea.

I turchi decideranno il 14 maggio. Sarà di nuovo Erdogan o avrà una possibilità il suo avversario, l’apparentemente marxista Kemal Kılıçdaroğlu del CHP, che rappresenta l’élite di sinistra nel paese? Originariamente è un economista e ha cercato di ottenere il potere per anni. Dubito che ci riuscirà mai, perché il Paese è molto diviso. Ad esempio, il divario tra ricchi e poveri è diventato solo più visibile a causa dell’inflazione, la propaganda anti-straniera è dilagante dopo che la Turchia ha precedentemente accolto milioni di rifugiati siriani e il paese si sta ancora riprendendo da uno dei più grandi disastri naturali della sua storia . lasciando tra 1,5 e 1,7 milioni di persone senza casa.

Per i quali anche le prossime elezioni potrebbero essere cruciali sono i tanti curdi in Turchia. Più di 100 persone sono state recentemente arrestate in Turchia perché sospettate di legami con l’organizzazione terroristica PKK. Tutto il denaro della difesa viene utilizzato per combattere il PKK, che a sua volta sta devastando il paese con attacchi terroristici. Il PKK è elencato come organizzazione terroristica dalla NATO e dall’UE. Glorificare un’organizzazione terroristica è un reato penale in Turchia, ma i sospetti arrestati sono giornalisti e avvocati per i diritti umani.

READ  Sparare munizioni al fosforo è una "zona grigia" del diritto di guerra

Poi c’è il politico turco-curdo Selahattin Demirtas, detenuto dal 2016 perché sospettato di terrorismo. Nel 2015 ha reso l’HDP il terzo partito politico più grande del paese, dopo l’APK di Erdogan e il CHP laico di sinistra di Kılıçdaroğlu. Se Erdogan perderà le prossime elezioni, molto probabilmente Demirtas verrà liberato. Questo mentre l’attuale governo turco considera l’HDP il ramo politico del PKK. Il partito politico nega ogni legame con il movimento terroristico. È un dato di fatto che entrambi i movimenti sono impegnati per una migliore posizione dei curdi in Turchia. Ma: “Non stiamo funzionando come un ramo politico del PKK. Ci stiamo allontanando dalla violenza”, ha detto in precedenza il parlamentare dell’HDP Huseyin Kacmaz.

Come sarebbe bello se ci fosse un nuovo leader turco che non vede i curdi come una minaccia, ma come concittadini. Occorre fare una netta distinzione tra un movimento politico come l’HDP e un movimento terroristico come il PKK. Un’immagine realistica, con le elezioni che si avvicinano? Kılıçdaroğlu potrebbe essere questo nuovo leader per la questione turco-curda? Qual è la probabilità che ci sia un cambio della guardia? La realtà è che la questione curda deve essere risolta se la Turchia vuole porre fine a tutte le violenze. Per i curdi le prossime elezioni potrebbero essere cruciali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *