Perché Putin chiama gli ucraini “neo-nazisti in un paese creato”

“L’Ucraina deve essere denazificata per porre fine al genocidio nell’Ucraina orientale”. Il presidente russo Putin usa parole molto forti per giustificare l’invasione dell’Ucraina. Cosa intende esattamente con queste accuse? E su cosa si basano?

Presentiamo cinque delle affermazioni di Putin allo storico Marc Jansen, autore di Borderland, una storia di Ucraina† Le citazioni di Putin provengono da due recenti discorsi e da un articolo che ha scritto. Puoi leggere questi testi in fondo a questo articolo.

1. “Il governo ucraino è russofobo”

L’Ucraina ha cercato negli ultimi anni di rafforzare l’unità ucraina e limitare le influenze di Mosca, anche attraverso una nuova legge sulla lingua. “L’istruzione dovrebbe essere in ucraino ei giornali dovrebbero essere pubblicati in ucraino”. Tali misure possono arrivare a spese del russo, ma non significano “l’eliminazione” del russo, afferma Jansen.

“Fino al 2014, l’Ucraina era un paese bilingue diviso, ma questo è davvero cambiato. A Kiev, ad esempio, l’ucraino ha fatto enormi progressi. Nelle città occidentali come Lviv o Ternopil, parlare russo è poco compreso”, afferma Janssen.

2. “I neonazisti governano l’Ucraina”

Per l’accusa nazista, dobbiamo tornare al nazionalista ucraino Stepan Bandera, che si schierò con la Germania nazista durante la seconda guerra mondiale e il cui movimento contribuì al massacro di ebrei e polacchi. “Lo ha fatto nella speranza di poter dichiarare uno stato ucraino indipendente, che, tra l’altro, ha fallito”. In particolare nell’Ucraina occidentale, Bandera gode dello status di culto come “combattente della resistenza”, con grande dispiacere di Mosca.

READ  Il presidente Erdogan segnala possibili accordi Mosca-kiev | All'estero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.